Palermo sarà la capitale della cultura italiana nel 2018

Palermo sarà la capitale della cultura italiana nel 2018

Palermo sarà la nuova capitale della cultura italiana nel 2018. Dopo Mantova 2016 e Pistoia 2017, il capoluogo siciliano è stato scelto, tra le varie città in lizza, dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per il suo “progetto originale, di elevato valore culturale, di grande respiro umanitario, fortemente e generosamente orientato all’inclusione e alla formazione permanente, alla creazione di capacità e di cittadinanza”.

La notizia, data dal Ministro Dario Franceschini, è stata accolta subito con grande entusiasmo dal sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il quale ha annunciato che i fondi stanziati saranno destinati a “scambi culturali di giovani da e verso l’Europa sul modello dell’Erasmus”—modello che tra l’altro ha appena compiuto 30 anni.

palermo 1

Al di là dei progetti in via di perfezionamento, è indubbio che Palermo sia stata ampiamente scelta per le sue bellezze architettoniche e paesaggistiche. Per esempio—oltre a essere citati in varie opere filmiche e letterarie—i luoghi di culto del capoluogo palermitano sono famosi in tutto il mondo. A conferma di ciò, qualche tempo fa il prestigioso Telegraph aveva inserito la Cappella Palatina di Palermo tra le chiese più belle del mondo.

palermo 2

Inoltre, tra gli altri gioielli della città è impossibile non citare il famoso Teatro Massimo, l’edificio teatrale lirico più grande d’Italia; le limitrofe spiagge di Mondello, poco distanti dal centro cittadino; o ancora la notevole fontana Pretoria che, con le sue statue allegoriche, rappresenta i quattro fiumi di Palermo (Oreto, Kemonia, Papireto e Maredolce). Senza dimenticare che nel capoluogo siciliano potrai anche assaggiare i piatti tipici del luogo: i cannoli, le arancine e pane e panelle da accompagnare con vino e passito.

In ogni caso, quando è stata creata di preciso l’istituzione annuale della “Capitale italiana della cultura”? In realtà, in tempi molto recenti. L’idea è nata solo nel 2014 dopo la proclamazione della città di Matera a capitale europea della cultura 2019, ma si tratta comunque di un’ottima iniziativa volta a “valorizzare i beni culturali e paesaggistici italiani” e di “migliorare i servizi rivolti ai turisti”.

Immagini | Copertina | 1 | 2