Cosa vedere a Pistoia, capitale italiana della cultura 2017

Cosa vedere a Pistoia, capitale italiana della cultura 2017

Il 2016 è quasi volto al termine, e Mantova passerà presto il suo testimone. Dopo essere stata capitale italiana della cultura dell’anno corrente, infatti, toccherà a Pistoia rappresentare la bellezza culturale della nostra penisola il prossimo anno. Il capoluogo toscano è stato scelto tra 9 città (Aquileia, Como, Ercolano, Parma, Pisa, Spoleto, Taranto e Terni).

Pistoia è una città di origini romane, protetta a nord dalle montagne e immersa nel verde. È stata insignita dello stimato riconoscimento non solo per il suo inestimabile patrimonio artistico e architettonico, ma anche perché da sempre progetti e iniziative culturali sono ulteriori elementi caratterizzanti dell’intera cittadina.

Come si può notare dal sito dedicato a Pistoia “Capitale del 2017,” sin dal primo gennaio decine di eventi si svolgeranno quotidianamente. Dalla mostra di presepi ai musei, dai concerti alle manifestazioni che coinvolgeranno le varie zone della città, ogni giorno qualunque visitatore potrà sperimentare qualcosa di diverso negli ormai prossimi dodici mesi che ci aspettano.

Per esempio, tra la vastità di esposizioni in programma, sono da appuntare quelle che verranno organizzate al Palazzo Fabroni—vero e proprio museo del contemporaneo in via Sant’Andrea—come “Marino Marini. Passioni visive” dal 16 settembre 2017 al 7 gennaio 2018 o “Prêt-à-porter,” del pittore Giovanni Frangi, dal 5 febbraio al 2 aprile 2017.

Senza dimenticare che altri spazi espositivi come il nuovo Museo della Sanità Pistoiese con la sua collezione di antichi ferri chirurgici, e il Museo Civico che raccoglie testimonianze artistiche dal XIII al XX secolo, saranno aperti al pubblico con le loro esposizioni permanenti e ulteriori spazi espositivi temporanei.

Se passiamo invece alle manifestazioni, ce ne sono due molto interessanti: la 38esima edizione di Pistoia Blues, prevista tra giugno e luglio; e la quinta edizione di Leggere la città dal 6 al 9 aprile.

Se neanche fiere enogastronomiche e dell’antiquariato organizzante nel corso del 2017 ti  sembrano sufficienti per organizzare una visita, ti basti ricordare il patrimonio architettonico della cittadina toscana. Piazza Duomo, la cattedrale di San Zeno, il Battistero di San Giovanni in Corte, la chiesa di San Giovanni Fuorcivitas… Una lista troppo lunga, di cui ti consigliamo di depennare le diverse voci dal vivo.

Per ulteriori informazioni visita il sito dedicato alla capitale italiana della cultura 2017.

Immagine via Flickr