Il progetto del comune di Milano che coinvolgerà biblioteche e parchi

Il progetto del comune di Milano che coinvolgerà biblioteche e parchi

Milano ha un rapporto speciale con la cultura. Ricordi la notizia della via che il sindaco Sala vuole intitolare a Umberto Eco? Per non soffermarci poi sulle numerose mostre d’arte che ci sono state, si stanno tenendo o arriveranno presto in città, dedicate ai maestri de Chirico, Kandinskij, Haring, soltanto per citarne alcuni.

[advertise id=”hello-amazon”]

Uno dei più interessanti eventi che coinvolgerà Milano è anche il “Parco delle lettere”, un progetto per avvicinare ancora di più i cittadini della metropoli lombarda alla lettura, trasformando gli spazi verdi in oasi di cultura.

Il progetto è stato promosso dall’Assessorato alla Cultura, in collaborazione con quello all’Urbanistica, Verde e Agricoltura in stretta collaborazione con i Municipi e le associazioni attive nei quartieri.

A rientrare nel progetto sono coinvolti biblioteche e parchi situati in cinque poli d’intervento. Eccoli raccolti geograficamente.

Ovest: Biblioteche Baggio e Harar, Parco delle Cave, Bosco in città

Nord: Biblioteca Affori, Parco Villa Litta, Museo Botanico Aurelia Josz, Parco ex Trotter

Est: Biblioteca Valvassori Peroni, Parco Trapezio Santa Giulia, Parco Cassinis

Sud: Biblioteca Chiesa Rossa, Parco Andrea Campagna, Parco Vettabbia

Centro: Biblioteca Parco Sempione, giardino di via Cazzaniga

Ma cosa ci sarà in queste biblioteche a cielo aperto? Di tutto: presentazioni di libri, incontri con autori, bookcrossing, concorsi letterari, percorsi didattici sull’identità del territorio urbano e sulle sue trasformazioni nel tempo.

“È una bella iniziativa che trasformerà tante aree verdi in piccole biblioteche a cielo aperto”, ha detto l’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno: “l’intento è rendere ancora più piacevole le attività di lettura e scrittura grazie ai tanti spazi verdi della città”.

In vista dell’iniziativa è stato indetto un concorso per la progettazione di arredi eco-sostenibili, ergonomici, sicuri e innovativi tanto nei materiali quanto nella linea, pensati per essere funzionali ad attività individuali e collettive di lettura e scrittura in ambienti verdi. I tre vincitori verranno presentati ad aprile al FuoriSalone, ma intanto puoi dare un’occhiata in anteprima (anche agli altri progetti che non hanno vinto) sul sito ufficiale del “Parco delle lettere“.

Immagine via Flickr