Come scaricare gratuitamente più di 200 libri d'arte dal sito del Guggenheim Museum

Come scaricare gratuitamente più di 200 libri d'arte dal sito del Guggenheim Museum

Da quando internet ha iniziato a diffondersi, la possibilità di informarsi sugli argomenti che più ci interessano è diventata sempre più democratica. Grazie a tali sviluppi, negli ultimi anni, molte istituzioni culturali e famose a livello mondiale hanno deciso di contribuire al fenomeno, mettendo a disposizione archivi, guide e cataloghi sul web per gli appassionati di discipline artistiche.

[advertise id=”hello-amazon”]

Solo per fare qualche esempio recente: l’agenzia Magnum Photos ha messo a disposizione una guida con fotografie d’autore scaricabile gratuitamente; il Museum of Modern Art di New York ha digitalizzato sessantaseimila opere della sua collezione, e l’archivio delle sue mostre dal 1929 in poi; e l’Università di Princeton ha pubblicato online le riviste avanguardistiche di inizio Novecento per chiunque voglia scaricarle.

Come riporta il sito culturale Open Culture—dopo aver già digitalizzato oltre 1600 opere d’arte della sua collezione—il Solomon Robert Guggenheim Museum di New York ha deciso di farci un altro regalo da aggiungere ai precedenti. Si tratta della possibilità di scaricare in pdf o consultare online oltre 200 libri dedicati alle mostre che si svolgono all’interno degli spazi dei diversi musei Guggenheim sparsi per il mondo dal 1943 fino ai giorni nostri.

“Walking into @themuseumofmodernart’s ‘Making Space: Women Artists and Postwar Abstraction exhibition,’ we were immediately struck by the scale and color of Lee Krasner’s ‘Gaea’ (1966), titled after the ancient Greek goddess of the earth. As part of the Guggenheim’s marketing team, we manage the institution’s social media presence, and are always looking for stories and connections that bring our collection and exhibitions to life for our digital audiences. Looking closer at the work’s label, we connected the work to the Guggenheim’s collection—Krasner was the wife of abstract expressionist Jackson Pollock, an artist intrinsically connected to the Guggenheim’s heart; Peggy Guggenheim, the niece of Solomon R. Guggenheim and self-proclaimed “art-addict” organized Pollock’s first European solo exhibition at the Museo Correr, Venice, in 1950.”—Alex Barber and Harineta Rigatos, Digital Marketing Managers #MuseumInstaSwap #Guggenheim #MoMA #Guggenheim #MakingSpace #LeeKrasner __ Photo: Kris McKay

A post shared by Guggenheim Museum (@guggenheim) on

Per farlo, basta andare sull’archivio internet del Solomon R. Guggenheim Museum e cliccare sui volumi che ti ispirano maggiormente. Tra i libri sui grandi nomi dell’arte del secolo scorso, potrai leggere delle ottime analisi in merito alle esposizioni di Gustav Klimt, Roy Lichtenstein e Pablo Picasso.

La bella notizia, però, è che ci sono anche dei volumi scritti totalmente in italiano—che trattano solitamente delle mostre svoltesi al Peggy Guggenheim Collection di Venezia. Come per esempio i volumi “Omaggio a Lucio Fontana”, “Le eredità sconosciute di Peggy Guggenheim: da Max Ernst a Jackson Pollock”  e “Tre artisti italo-americani : Giorgio Cavallon, Costantino Nivola, Italo Scanga”.

Per consultare l’archivio del Solomon R. Guggenheim Museum clicca pure qui.

Immagine via Flickr