Grazie a Nasa e Google ora puoi passeggiare su Marte senza spostarti da casa

Grazie a Nasa e Google ora puoi passeggiare su Marte senza spostarti da casa

Da quando è iniziata l’era spaziale, l’uomo ha dedicato molto studio al pianeta Marte in vista della sua ipotetica terraformazione e di una missione con equipaggio sul pianeta.

Obiettivi entrambi ancora decisamente lontani: ci si consola con i film più belli che hanno Marte come protagonista, e con le foto inviate dal rover Curiosity, che ci mostrano un paesaggio marziano continuamente cambiato dal vento e inaridito sotto l’atmosfera estremamente rarefatta del pianeta.

Se ancora non sai “chi” è Curiosity, qui sotto puoi vedere un suo simpatico “selfie” composto da 57 scatti realizzati da uno dei 17 sistemi di ripresa installati nel rover, il Mars Hand Lens Imager.

L’immagine è stata scattata presso la cosiddetta “Monument Valley marziana”, Murray Buttes. Se anche questa non sai cosa sia, allora hai davvero bisogno di fare un giro su Access Mars, la recente applicazione che ti permette ti esplorare virtualmente, ma molto realisticamente, nonché gratuitamente, il suolo marziano. Proprio grazie alle foto che Curiosity ha scattato dal 2012 a oggi. Vediamo come funziona.

Access Mars, l’applicazione che ti porta su Marte

Access Mars è un ambiente di Virtual Reality nato grazie alla collaborazione fra Nasa—con i suoi laboratori JPL (Jet Propulsion Laboratory)—e Google. Si basa sulla volontà di condividere con tutti la stessa tecnologia usata dai ricercatori per esplorare Marte senza muoversi dal proprio studio.

Gli scienziati, grazie al software OnSight sviluppato da JPL, pianificano il percorso di Curiosity e ne studiano i rilevamenti indossando un visore per la realtà virtuale: possono quindi “spostarsi” sul suolo marziano in modo intuitivo. Collaborando con Google, JPL ha prodotto un derivato di OneSight, l’applicazione gratuita chiamata appunto Access Mars.

Come navigare su Access Mars dal tuo computer

Per poter utilizzare Access Mars serve solo una connessione internet. L’app infatti è accessibile gratuitamente, disponibile su tutti i desktop, compatibile con iOS e Android. Se hai un visore VR, potrai passeggiare sul suolo di Marte in 3D (se vuoi sapere come hanno fatto a ricostruirlo, su Access Mars te lo spiegano). Se non disponi di un visore, potrai comunque esplorare lo stesso ambiente a 360°.

Murray Buttes, planet Mars, sept 8. #curiosityrover

A post shared by Nicolas Dorval-Bory (@nicolas_db) on

Una volta avviata l’app, supera l’intro e attendi l’atterraggio di Curiosity. Una voce ti darà il “benvenuto” sul pianeta. Il modo più semplice per muoversi è quello di avanzare cliccando sul suolo, proprio come fai su Google Maps. Ma non è un metodo molto proficuo. Molto più interessante invece aprire la “mappa” dei siti che corrispondono alle missioni più importanti di Curiosity: l’atterraggio, Pahrump Hills, Marias Pass, Murray Buttes. Potrai esplorare gli ambienti con l’apporto di spiegazioni e foto panoramiche.

C’è anche l’opzione “current location” che ti trasporta immediatamente nel punto di Marte in cui si trova Curiosity, in tempo reale. Sei pronto a iniziare il viaggio? Basta aprire Access Mars.

Immagini: Copertina