Ascolta il suono delle aurore di Giove

Ascolta il suono delle aurore di Giove

Ormai da diverso tempo vari istituiti governativi—il più celebre dei quali è la famosa NASA—stanno portando avanti esperimenti e progetti per ottenere una conoscenza sempre più ampia dello spazio. Recentemente ad esempio, l’istituto aerospaziale americano è riuscito a registrare il suono delle aurore di Giove.

La sonda Juno, lanciata in orbita attorno al pianeta più grande del sistema solare, ha registrato 13 ore di suoni derivanti dalle aurore che si verificano nel polo nord di Giove, attraverso un sofisticato microfono chiamato Waves, che è stato montato sulla sonda con il preciso scopo di raccogliere ogni informazione sonora possibile.

In realtà, come è facilmente intuibile, le onde radio che vengono trasmesse dalle aurore non sono udibili, così come raccolte, dagli esseri umani. Per trasformarle e renderle ascoltabili, quindi, la NASA ha trasformato i suoni inserendoli in una frequenza che fa parte dello spettro udibile all’uomo. Dopodiché le hanno rese disponibili in rete.

“Giove ci sta parlando come solo i pianeti giganti gassosi sanno fare”, ha dichiarato il ricercatore Bill Kurth, dell’Università dell’Iowa: “a noi piace molto ascoltare questi suoni, quindi ci siamo chiesti se potessero interessare anche ad altre persone.”

Il file audio è piuttosto corto, ma avere la possibilità di ascoltare i suoni che provengono da un pianeta irraggiungibile (per ora almeno) come Giove non è assolutamente un’opportunità che si presenta spesso. Per quanto possa sembrare insignificante, poi, ogni piccolo passo che aiuta l’uomo a ottenere informazioni sulle dinamiche che avvengono nello spazio e sui pianeti che circondano la Terra, è un enorme passo avanti per la civiltà e per la cultura umana.

Immagini: Copertina