Le banane sono a rischio estinzione

Le banane sono a rischio estinzione

La frutta è importantissima per la nostra alimentazione, perché è una grande apportatrice di vitamine e sali minerali. Ma non è soltanto sana: ogni frutto ha un sapore, una consistenza e un profumo diverso. Per ogni stagione e soprattutto per ogni zona del mondo, esistono tipologie di frutta diverse.

Le banane, ad esempio, sono il frutto tropicale più conosciuto: per il loro color giallo vivo, che le fa piacere molto ai bambini, per il loro sapore dolce e delicato, ma anche perché sono una grandissima fonte di potassio.

Sono ottime sia alla fine di un pasto che per una merenda sostanziosa. Forse l’unica nota dolente delle banane è che sono un frutto molto calorico, ma comunque sempre molto salutare.

Purtroppo recentemente le coltivazioni di banane di tutto il mondo sono a rischio: un fungo noto come Malattia di Panama, infatti, sta mettendo a repentaglio la piantagioni e il rischio di veder scomparire questo prezioso frutto sembra sempre più consistente.

Il fungo è noto fin dagli anni cinquanta e nei vari decenni si è ripresentato ciclicamente, ma negli ultimi anni sembra che il ceppo fungino si sia intensificato e alcuni ricercatori dell’università di Wageningen, nei Paesi Bassi, hanno lanciato l’allarme dopo aver condotto uno studio sull’epidemia della Malattia di Panama.

Secondo il rapporto stilato dai ricercatori, se il fungo dovesse raggiungere in pianta stabile il Sud America, la zona in cui si trovano i tre quinti delle piantagioni mondiali, la sopravvivenza di questo frutto sarebbe messa seriamente a rischio.

Esiste una sola variante di questo fungo che si è sviluppato inizialmente in Indonesia, poi in Taiwan e quindi in Cina. Per poi contagiare molti altri paesi con una crescita che fino a questo momento è stata inarrestabile. Il punto più critico dell’epidemia è stato toccato negli anni cinquanta, quando la Malattia di Panama ha completamente cancellato dalla Terra una varietà di banane nota come Gros Michel che all’epoca rappresentavano la varietà più diffusa.

In tutti questi decenni i coltivatori hanno cercato di affrontare questo fungo coltivando varietà resistenti all’infezione, ma a quanto pare la Malattia di Panama è tornata a far paura.

Immagini: Copertina