Il cervello delle donne non è diverso da quello degli uomini

Il cervello delle donne non è diverso da quello degli uomini

Per anni gli scienziati hanno creduto che tra il cervello maschile e quello femminile ci fossero differenze. E dalle loro ricerche abbiamo finito per crederci anche noi.

Nel 19esimo secolo, i ricercatori asserivano di essere in grado di riconoscere addirittura il sesso del proprietario guardando soltanto la forma del cervello, visto che secondo loro uomini e donne ne avevano due distinte.

Un nuovo recente studio è forse in grado di mettere finalmente la parola fine a questo lungo dibattito. Il cervello non avrebbe alcun genere. Anzi, tutti sono diversi tra di loro e invece di avere forme ben definite hanno, più o meno in comune, alcune sfumate sezioni.

La scoperta è il risultato di un lungo lavoro condotto dal laboratorio di neuroscienze dell’università di Tel Aviv. La ricercatrice Daphna Joel che ha condotto l’esperimento ha analizzato più di 1400 risonanze magnetiche misurando il volume di materia grigia e quello della sostanza bianca.

A livello anatomico tra i due cervelli c’è soltanto una piccola differenza strutturale tra uomini e donne: l’ippocampo sinistro, una zona del cervello che è di solito più grande negli uomini che nelle donne. Ma per il resto, non ci sono differenze riconoscibili: non esiste un vero e proprio dimorfismo sessuale.

Il cervello è più un mosaico di caratteristiche”, alcune più comuni altre meno. Questo vuol dire che in un cervello maschile, per esempio, possiamo trovare regioni neurali la cui forma è statisticamente più diffusa nel cervello delle donne.

Avere un cervello dove tutte le regioni dimorfiche si presentano completamente in versione maschile e in versione femminile è una condizione rarissima, su i 1400 casi studiati è presente soltanto in un 8%. L’eccezione che conferma la regola.

Immagine via Flickr