Com'è stato veramente il Big Bang?

Com'è stato veramente il Big Bang?

Da tempo immemore l’uomo si interroga sull’origine dell’universo, quella scintilla che ha generato tutto quello che esiste e che conosciamo. Ovviamente è un concetto piuttosto labile e di difficile interpretazione, ma sappiamo che tutto è iniziato con il famoso Big Bang.

[advertise id=”hello-amazon”]

Attraverso le nozioni più basilari di astronomia, siamo abituati a considerare il Big Bang come una gigantesca esplosione che ha proiettato tutta la materia dello spazio in tutte le direzioni, dando vita a quei meccanismi che hanno formato i corpi celesti. Ma in realtà, le cose non stanno così.

In un video pubblicato sul sito della BBC, l’astrofisico Adam Becker spiega che la nostra percezione di questo fenomeno è errata, e dovuta a una concezione che si rifà a dinamiche che hanno senso sulla Terra, ma non nello Spazio. L’inizio del tutto non è avvenuto con un’esplosione, ma con un’espansione.

Può sembrare un processo simile soltanto all’apparenza: un’esplosione è una dispersione e disgregazione di materia nello spazio, un’espansione è lo spazio—o almeno uno spazio limitato—che si espande, rimanendo però coeso.

I processi che sono succeduti a questa espansione non sono del tutto chiari: adesso siamo in grado di studiare il “passato” dello spazio grazie alla distanza in anni luce che separano—e continuano progressivamente a separare—i corpi celesti. Calcolare a ritroso il progressivo distanziarsi di questi corpi, ci aiuta a comprendere com’era lo spazio in passato.

Ma visto che lo spazio è trasparente solo alla luce, e che almeno per un periodo che va dal Big Bang ai 380.000 anni successivi lo spazio non consentiva il filtraggio della luce perché i corpi celesti erano troppo ravvicinati, non siamo in grado di analizzare totalmente la “storia dello spazio” attraverso la luce.

In compenso, sappiamo che il Big Bang ha generato anche delle onde gravitazionali che gli astrofisici stanno studiando. Attraverso l’analisi di queste onde, sarà forse un giorno possibile risalire alla prima radiazione prodotta, e allora saremo in grado di capire come è avvenuto questo enorme fenomeno.

Immagini: Copertina