L'eccezionale video che mostra un alce completamente bianco

L'eccezionale video che mostra un alce completamente bianco

In un mondo dominato sempre più dalla tecnologia ristabilire un contatto con la natura diventa una difficile conquista. Un processo lento di riappropriazione, che oggi viene svolto soprattutto dall’ingegneria e l’architettura, attraverso la costruzione di case o alberghi che ci mettono in contatto con l’ambiente che ci circonda e con noi stessi.

Un altro modo di sensibilizzare sull’argomento è quello di raccontare storie di convivenza centenaria tra uomo e animali; o ancora, quando c’è l’occasione, condividere filmati unici in cui non soltanto vengono mostrati animali di natura schivi, ma per alcune loro caratteristiche ancora più rari.

Come il video, pubblicato di recente, di un alce svedese completamente bianco che guada un fiume. Il video ha contato più di un milione di visualizzazioni ed è stato commentato 3mila volte.

L’evento straordinario è stato ripreso da Hans Nilsson, appassionato di questi animali, che da tre anni si era messo alla ricerca di uno di questi rari esemplari. E un giorno, casualmente, mentre si trovava nella provincia di Värmland si è visto tagliare la strada da uno di questi.

Nel video, di un minuto e mezzo di lunghezza, si vede l’alce bianco che scende cauto la riva di un piccolo fiume per immergersi fino al collo e attraversarlo. Una volta approdato sull’altra sponda si scrolla l’acqua per asciugarsi e va a mangiare.

L’alce è un animale straordinario anche solo nella sua specie comune. È il più grande esemplare della famiglia dei cervidi e ha, allo stesso tempo, un aspetto magnifico (grazie anche al suo “palco”) e goffo. I maschi possono superare i 550 kg di peso (le femmine i 400 kg) e la loro altezza al garrese varia dai 2,1 ai 2,3 m. Anche se il record di alce più grande spetta a un esemplare dell’Alaska del 1897: 816 kg per 2,34 m di altezza con un’apertura dei palchi di quasi due metri.

L’alce del video di Hans è unica perché è completamente bianca e secondo una stima approssimativa (visto che non c’è una banca dati ufficiale) se ne conterebbero in Svezia circa 100 su 400mila. Questo alce però non è albino: il suo colore è il risultato di una rarissima variante genetica. Questa non sempre “imbianca” il manto e le corna, il più delle volte schiarisce ma non completamente. In questo senso il video di Hans testimonia qualcosa di ancora più incredibile.

Secondo quanto affermato dal professore dell’università svedese di scienze, Göran Ericsson, gli alci bianchi sarebbero fortunatamente in aumento, soprattutto in Scandinavia, perché sono praticamente privi di predatori naturali. La loro grandezza gli permette questa posizione privilegiata (oltre all’uomo, uno dei pochi animali che potrebbe uccidere un alce è il lupo, perché caccia in branco). “I cacciatori”, ha spiegato Ericsson: “scelgono di non sparare agli alci chiari”. (In Canada, per esempio, è proibito sparare agli esemplari che hanno più del 50% di pigmentazione bianca).

“È stata una grandissima emozione poter vedere questo animale magnifico”, ha detto Hans alla testata Independent: “per nulla interessato agli esseri umani”.

Immagine via YouTube