Questa scoperta dimostra che Einstein aveva ragione sulle onde gravitazionali

Questa scoperta dimostra che Einstein aveva ragione sulle onde gravitazionali

La scorsa settimana France Córdova, direttrice della National Science Foundation, ha rilasciato una dichiarazione clamorosa, che ha emozionato tutto il mondo della scienza: un gruppo di ricercatori lo scorso 17 agosto è stato in grado di osservare delle onde gravitazionali dalla collisione di due stelle di neutroni, confermando così le supposizioni avanzate da Albert Einstein sullo spazio-tempo.

Gli scienziati del LIGOLaser Interferometer Gravitational-Wave Observatory—sono stati in grado di compiere questa prodigiosa scoperta ed effettuare le rilevazioni grazie alla collaborazione di 70 osservatori. “Oggi siamo felici di annunciare che gli scienziati hanno rilevato le onde gravitazionali dalla collisione di due nuove stelle di neutroni e ne hanno osservato anche la luce,” ha detto Córdova.

Le stelle di neutroni sono delle particolari formazioni compatte che vengono generate quando le stelle massicce si trasformano in supernove: sono in assoluto le stelle più dense e di minor dimensione.

Le due stelle osservate dal LIGO si trovavano a 130 milioni di anni luce dalla Terra, nella Galassia NGC 4993 e in direzione della costellazione dell’Idra. La loro collisione, rinominata “kilonova“, ha generato delle onde gravitazionali—delle increspature dello spazio-tempo che si propagano con carattere ondulatorio e condizionano la percezione del tempo. Due secondi dopo l’osservazione delle onde gravitazionali gli osservatori hanno anche assistito alla formazione di un fascio di luce di raggi gamma.

Questa osservazione, come dicevamo, conferma la bontà delle teorie di Einstein sulle onde gravitazionali. Secondo le ipotesi del grande fisico, infatti, le onde gravitazionali viaggiano alla velocità della luce. Questa scoperta, inoltre, è di notevole importanza anche per un altro aspetto: la collisione ha portato alla formazione di oro, piomboplatino in grandi quantità, e anche questo conferma una antica teoria a riguardo.

La prima rilevazione assoluta delle onde gravitazionali è avvenuta nel 2015, e da allora sono state realizzate altre tre osservazioni annunciate dal LIGO. Osservazioni e rilevazioni che hanno permesso a Rainer Weiss, Barry C. Barish e Kip S. Thorne di ottenere il Premio Nobel per la Fisica quest’anno.

Immagini: Copertina