Il nuovo progetto di Stephen Hawking ci porterà su Alfa Centauri

Il nuovo progetto di Stephen Hawking ci porterà su Alfa Centauri

Nelle stelle si possono leggere il nostro passato e il nostro futuro. No, non è soltanto un modo di dire: il nostro sistema solare è uno dei tantissimi dell’universo. Vedere come si sono evoluti nel tempo i vari elementi che lo compongono permette agli scienziati di supporre o conoscere meglio come il nostro pianeta sia nato e come, purtroppo, sia destinato a finire.

Qualche giorno fa è arrivata la notizia incredibile di un progetto che ha come obiettivo quello di trasportarci in un altro sistema solare. L’idea è venuta a Stephen Hawking, uno dei più grandi scienziati del secolo.

Si chiama Breakthrough Starshot ed è un progetto che richiede un investimento di più di 100 milioni di dollari. Ci permetterà di accelerare i tempi di navigazione nello spazio, aumentando la velocità a oltre 160 milioni di chilometri orari. L’obiettivo è quello di raggiungere il sistema stellare di Alfa Centauri in appena 20 anni

Non ci muoveremo con navicelle spaziali, ma a farlo al posto nostro ci saranno dei nano vettori del peso di un grammo ciascuno.

Ecco come funzionerà nel dettaglio: un “vascello” carico di una flotta di nano-vettori verrà lanciato e mandato in orbita a massima altitudine sopra la terra. All’interno dei nano-vettori ci saranno telecamere, sensori ed equipaggiamento per la comunicazione. 

Una volta sganciati i nano vettori questi dispiegheranno le vele, mentre dalla Terra partirà un’onda di raggi laser che li colpirà con una scarica a propulsione fotonica che aumenterà la loro velocità in pochissimi minuti.

Stephen Hawking ha comunicato la sensazionale novità su Facebook e ha trovato anche l’apprezzamento di Mark Zuckerberg in persona. Oltre al like al post, il fondatore del social network ha partecipato alla conferenza tenuta al One World Observatory di New York e si unirà al progettoIl programma sarà guidato da Pete Woden, ex direttore dell’Ames Research Center della NASA che durante un’intervista ha sottolineato, usando parole incredibili, l’importanza di questa missione: “Una volta che lanceremo questi oggetti e forniremo immagini ravvicinate di pianeti orbitanti attorno a un’altra stella, cominceremo finalmente a definire il destino dell’umanità e il suo futuro. Se funzionerà, questo progetto cambierà il nostro modo di percepirci come specie e come pianeta”.

La missione sarà ancora più affascinante visto che nell’ottobre del 2012 è stato scoperto un pianeta terrestre orbitante proprio nel sistema di Alfa Centauri.

Immagine via YouTube