Quanto si cammina nei diversi paesi del mondo?

Quanto si cammina nei diversi paesi del mondo?

Nonostante su queste pagine siamo da sempre amanti delle lunghe camminate e dei percorsi da trekking, non è mica detto che sia così anche altrove. O, almeno, che sia così in tutte le parti del mondo. In un articolo della BBC, pubblicato nella sezione “salute”, per l’appunto ci viene domandata la seguente questione: “Per caso vivi nel paese ‘più pigro’ del mondo?”.

La domanda—che poi è anche il titolo dell’articolo—introduce uno studio condotto dall’Università di Stanford che cerca di capire quanto le persone comuni camminino in media durante una giornata. Il motivo? Come si legge sul paper pubblicato inizialmente su Nature, e che vede come primo firmatario Tim Althoff, l’analisi sarebbe un primo passo “per essere in grado di frenare la pandemia globale dell’inattività fisica  e le conseguenti 5,3 milioni di morti all’anno”.

La ricerca è basata sui dati forniti da Argus, un’applicazione (scaricabile gratuitamente) per smartphone—molto simile a “Salute” di Apple—che indica all’utente, tra le altre cose, quanti passi ha fatto in un giorno. Prendendo in forma anonima come campione 700mila utenti, provenienti da 111 paesi diversi, i ricercatori sono giunti a diverse conclusioni. Ma partiamo anzitutto dalla mappa.

Come puoi osservare dalla legenda, i differenti colori indicano il tasso di “attività fisica” nei paesi presi in esame: si va dal rosso (+3500 passi al giorno) fino al verde acqua (+6000 passi al giorno).

mondo

Da tutto ciò si evince che in paesi in cui le disuguaglianze sociali sono molto forti, come l’Arabia Saudita, le donne sono molto più sedentarie rispetto agli uomini. Al contrario, in paesi come il Giappone, dove l’obesità è rara e c’è scarsa diseguaglianza, uomini e donne sono allo stesso livello. Anche se, come fa notare Tim Althoff, è la Svezia il paese con il minor tasso di obesità.

Inoltre, si può notare anche che la media più alta registrata è rintracciabile ad Hong Kong, dove gli utenti fanno circa settemila passi al giorno; mentre quella più bassa in Indonesia dove in media i passi registrati si attestano a 3.513.

In ogni caso, la “media mondiale” è di circa cinquemila passi. Tale tendenza viene confermata proprio dall’Italia: nel nostro paese, infatti, i passi registrati si aggirano intorno alla media complessiva mondiale—tanto che il colore del Belpaese nella mappa è il verde scuro. Nello specifico, allo studio hanno partecipato poco più di 5mila italiani, che hanno fatto mediamente 5.296 passi al giorno.

In sostanza ciò significa, come ha scritto James Gallagher sempre sulla BBC, che lo studio sottolinea “in maniera per nulla sorprendente” che “le persone camminano di più nei posti in cui è più facile farlo”. Senza dimenticare che il campione preso in esame fa riferimento a individui che solitamente già monitorano la loro attività fisica.

mondo

Al di là di tutto, però, lo studio rimane comunque uno spunto interessante su cui riflettere. Innanzitutto per il fatto che l’attività fisica maggiore si registra intorno alle 18.00—ovvero quando dovrebbe fare meno caldo per una corsetta al parco. Poi perché, nonostante noi italiani siamo in linea con la media mondiale, siamo ancora molto distanti (un po’ come tutti) dai famosi diecimila passi al giorno—la soglia minima consigliata per mantenersi in salute.

Immagini | Copertina | 1 | 2