I 10 borghi più belli ed ecosostenibili d’Italia

I 10 borghi più belli ed ecosostenibili d’Italia

In Italia sono tantissime le iniziative volte al recupero e alla valorizzazione dei borghi antichi. Comuni virtuosi che grazie alle politiche sostenibili di recupero del territorio e delle risorse diventano luoghi speciali da promuovere e prendere come esempio.

Questi borghi hanno implementato progetti innovativi legati alle tematiche ambientali, all’utilizzo di energie alternative, allo sviluppo del turismo responsabile e molto altro.

Ecco i nostri 10 preferiti.

  1. Santo Stefano di Sessanio, L’Aquila
    Con i suoi 170 abitanti è il borgo più piccolo della nostra top ten. Borgo semi abbandonato fino a 10 anni fa, è stato magistralmente trasformato da due architetti in un bellissimo albergo diffuso. Sono state recuperate dunque le abitazioni del centro storico, le strutture, i camini, gli arredi fino a trasformare Santo Stefano di Sessanio in un esempio nobile di sviluppo sostenibile. La particolarità sta nell’accortezza del recupero architettonico fedelmente ripreso grazie agli studi del Museo delle Genti d’Abruzzo e le interviste con gli abitanti del luogo, utili tra l’altro alla valorizzazione e conservazione delle tradizioni locali.

    Santo Stefano di Sessanio borgo

    Santo Stefano di Sessanio, L’Aquila

  2. Melissa, Crotone
    Il borgo di Melissa è il tipico centro medievale che si articola su diversi gradoni e che ha il corrispettivo marino nella sua frazione balneare Torre Melissa, esempio di sviluppo sostenibile che riceve ogni anno la Bandiera Blu dalla Foundation for Environmental Education. Un riconoscimento dato ai centri costieri che si distinguono per la qualità dell’acqua, la pulizia delle spiagge e dei servizi offerti. Le due frazioni accolgono poco meno di 4 mila abitanti.

    Borgo di Melissa Calabria

    Melissa, Crotone

  3. Levice, Cuneo
    Levice è un borgo molto piccolo fatto di muri di pietra costruiti a secco e cascine disseminate nel tipico territorio della Langhe. I suoi 248 abitanti hanno la fortuna ed il privilegio di vivere in una zona al confine con la Liguria che offre paesaggi e vallate suggestive. Le risorse del territorio vengono preservate anche grazie all’esistenza di servizi e progetti comunali volti alla difesa delle tradizioni.

    Levice langhe Cuneo

    Levice, Cuneo

  4. Pescopennataro, Isernia
    Primo borgo del Molise a conformarsi al modello europeo di sviluppo e gestione ecosostenibile del territorio che ha messo in atto progetti di produzione energetica fotovoltaica. I 310 pescolani si preparano a rendere questo borgo arroccato su uno sperone nella vallata del Sagro uno degli esempi di borghi virtuosi per le politiche ambientali.

    Pescopennataro borgo Isernia

    Pescopennataro, Isernia

  5. Minervino, Lecce
    Con il progetto Minervino2.0 il piccolo borgo salentino (3.787 abitanti)  ha presentato le diverse iniziative legate alle tematiche ambientali e alle azioni utili al futuro climatico. Il borgo ad esempio ha promosso l’utilizzo delle auto comunali elettriche e di un impianto eolico ad asse verticale; è impegnato inoltre nella conservazione e promozione degli antichissimi dolmen e menhir.

    Minervino borgo

    Minervino, Lecce

  6. Sardara, Medio Campidano
    Sardara (4.141 abitanti)  è il borgo che ha ricevuto il premio A+Com, assegnato da Alleanza per il Clima Italia e Kyoto Club. Borgo aderente al PAES, Piano di azione per l’energia sostenibile, Sardara è da anni attivo nella promozione del risparmio energetico, della raccolta differenziata dei rifiuti e di altri temi ambientali. In particolare si è distinto per il tema della riduzione dei consumi energetici e per l’interesse mostrato nei confronti della geotermia e del tema dei rifiuti.

    Sardara Medio Campitano Cagliari

    Sardara, Cagliari

  7. Neviano degli Arduini, Parma
    Neviano degli Arduini è stato certificato “oasi biologica” e i suoi abitanti (3.768) possono godere dell’ampia offerta di servizi ed attrazioni legate al territorio: il Parco Provinciale del Monte Fuso ben si presta infatti ad accogliere un turismo eco-responsabile interessato alle risorse del territorio e della memoria storica.

    Neviano degli Arduini borgo Parma

    Neviano degli Arduini, Parma

  8. Montegabbione, Terni
    Montegabbione (1.256 abitanti) è il borgo umbro che si è distinto per essere all’avanguardia in tema di risparmio energetico. Montegabbione è il comune che grazie a sistemi sperimentali ha avviato progetti secondo il modello delle smart cities: illuminazione pubblica a basso consumo con riduttori di flusso e led alimentati con pannelli fotovoltaici.

    Montegabbione Scarsuola borgo

    Montegabbione, Terni

  9. Montesegale, Pavia
    Il borgo di Montesegale appartiene alla Comunità Montana dell’Oltrepo Pavese e ha promosso un piano d’azione per l’energia sostenibile che prevede l’illuminazione pubblica a LED, l’aumento della raccolta differenziata e riduzioni sulle opere di recupero urbano.

    Montesegale castello Pavia

    Montesegale, Pavia

  10. Erice, Trapani
    Erice mantiene l’atmosfera medievale originale in questo borgo di soli 512 abitanti che nonostante sia un centro molto turistico ha mantenuto la tradizione delle botteghe di artigiani e ceramisti  che conservano e promuovono le decorazioni e i tessuti tradizionali.

    Erice Borgo Trapani

    Erice, Trapani