In caso di emergenza la cabina di questo aereo si stacca e atterra col paracadute

In caso di emergenza la cabina di questo aereo si stacca e atterra col paracadute

L’aereo è il mezzo di trasporto più sicuro che c’è. Le statistiche lo dimostrano. Oggi più che mai grazie a equipaggi super preparati e alla più alta tecnologia a bordo i livelli di sicurezza hanno raggiunto picchi mai visti prima. Secondo quanto riportato dall’Associazione Internazionale di Trasporto Aereo, un passeggero dovrebbe effettuare una media di circa 5,3 milioni di voli commerciali prima di imbattersi in un incidente. Ma in quest’ultimo caso, rispetto agli altri mezzi di trasporto, gli incidenti in volo sono quasi tutti fatali.

Pensando alla possibilità di un salvataggio collettivo, l’ingegnere russo Tatarenko Vladimir Nikolaevich ha avuto un’idea molto interessante. Ci ha lavorato per tre anni. Permettere che in casi di emergenza si stacchi la cabina che trasporta i passeggeri e atterri in salvo, grazie all’aiuto di un sistema di paracadute.

In ogni caso di emergenza, sia in fase di decollo, in volo o in fase di atterraggio, i piloti azionano il meccanismo che stacca la cabina e automaticamente vengono aperti due grandi paracadute che controllano l’atterraggio a terra. Inoltre prima che possa avvenire il contatto con il suolo vengono azionati altri airbag, stavolta nella parte bassa dell’aereo che attutiscono il colpo evitando il rischio che la fusoliera si rompa.

Per ora è soltanto un prototipo, ma non sono mancate le critiche al progetto. Il rischio maggiore è dovuto all’imprevedibilità dell’emergenza che potrebbe portare a un distaccamento della cabina mentre l’aereo sorvola un centro abitato. Ma l’idea di Tatarenko, soprattutto dalla rete, sta ricevendo anche numerosi consensi.

Immagine via YouTube