I più bei Patrimoni dell'umanità dell'Africa

I più bei Patrimoni dell'umanità dell'Africa

Per la sua speciale posizione geografica, l’Africa è caratterizzata da climi molto diversi fra loro. Il fatto che questo continente, infatti, sia attraversato dall’equatore, dai tropici del Cancro e Capricorno fa sì che di conseguenza possieda anche habitat diversissimi—dalle foreste pluviali ai deserti, passando per le savane.

Tra questi paesaggi ce ne sono alcuni davvero unici nel loro genere, tanto che l’UNESCO li ha a poco a poco inseriti nella lista dei Patrimoni dell’umanità. Ne abbiamo selezionati alcuni per te.

Monte Kilimangiaro

“Il Chilimangiaro è un monte coperto di neve alto 5.890 metri e si dice che sia la più alta montagna in Africa. La vetta occidentale è detta Masai Ngàie Ngài, ‘Casa di Dio’. Presso la vetta c’è la carcassa stecchita e congelata di un leopardo. Nessuno ha saputo spiegare che cosa cercasse il leopardo a quell’altitudine”, scriveva Ernest Hemingway ne Le nevi del Chilimangiaro nel 1936. Tale vetta si trova all’interno dell’omonimo parco di circa 75mila ettari in Tanzania. L’area è stata dichiarata Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 1987.

africa 4 patrimoni

I laghi della Rift Valley

Hai presente quando nei documentari sull’Africa inquadrano stormi di fenicotteri che si levano in volo mentre la loro immagine si riflette sull’acqua? Ecco, sono immagini “rubate” molto spesso nella Rift Valley in Kenya, dove si trovano i tre laghi Bogoria, Nakuru e Elementaita, che costituiscono una zona di eccezionale bellezza e un importantissimo habitat non solo per gli uccelli (come per esempio i pellicani) ma anche per diversi mammiferi, come zebre e bufali africani. La zona è stata dichiarata Patrimonio dell’umanità nel 2011.

africa 3

Deserto del Namib

Il Deserto del Namib, invece, è tra le zone desertiche più antiche del mondo. Per farti un’idea di quanto lo sia, ti basti pensare che la maggior parte dei suoi granelli di sabbia risale a più di cinque milioni di anni fa. L’attrazione principale è la famosa duna 45, la duna di sabbia più alta al mondo (170 metri). Nelle zone limitrofe a questa zona, però, si trovano diverse aree secche in cui vivono molte specie di animali, tra i quali i suricati, i leoni e le giraffe. Il Deserto del Namib è diventato Patrimonio dell’umanità nel 2013.

africa 1

Delta dell’Okavango

Il Delta dell’Okavango, in Botswana, è uno degli habitat più insoliti del nostro pianeta. È formato dal fiume Okavango, che nasce in Angola e giunge alla foce dopo aver incontrato numerosi affluenti in un percorso di oltre mille chilometri. Quando viene inondato nei mesi estivi, tutti gli animali della regione—antilopi, gazzelle, leoni, iene, ghepardi, facoceri, rinoceronti, gnu—si riuniscono dando vita a una delle concentrazioni di animali più grandi d’Africa. II Delta dell’Okavango è stato nominato come millesimo sito UNESCO nel 2014.

africa 2

Cratere di Ngorongoro

Per completare questa panoramica delle diverse ambientazioni africane, passiamo adesso a un paesaggio prettamente vulcanico. Si tratta del cratere di Ngorongoro, la cui area intorno costituisce l’omonima zona protetta. Inoltre, grazie alle precipitazioni abbondanti nella caldera vulcanica, vasta circa 8300 chilometri quadrati, molti animali si fermano qui per diverso tempo, soprattutto i grandi branchi di zebre e gnu. L’intera area è stata dichiarata Patrimonio dell’umanità nel 1979.

africa

Immagini | Copertina | 1 | 2 | 3 4