Le bellezze di Barcellona sotto i tuoi piedi

Le bellezze di Barcellona sotto i tuoi piedi

Barcellona è una delle mete più ambite per evadere dalla routine europea. Avevamo visto che lì si vive proprio bene: il cibo è buono e poco costoso, la cerveza non manca mai e si può sempre vagabondare in spiaggia o per i vicoli della città vecchia.

Se già hai visitato questa città o vorresti a breve visitarla, però, sappi che, come per ogni cosa, potresti osservarla da una prospettiva tutta nuova. In generale, quando viaggiamo, siamo sempre con il naso all’insù, a vedere cosa ci circonda. Ma ti sei mai chiesto cosa si potrebbe nasconde proprio lì, sotto i tuoi piedi?

barcelona-floors-sebastian-erras-03 2

[advertise id=”hello-amazon”]

Nel caso in cui non ti fosse mai passato per la testa, per fortuna ci ha pensato Sebastian Erras. Il fotografo tedesco, infatti, ha creato una nuova cartina della città tutta particolare: ogni attrazione, che sia un ristorante o un museo, un hotel o un bar, è stata inquadrata dal basso.

Il progetto di Sebastian Erras è stato realizzato insieme alla tipografia online Pixartprinting, e il suo nome la dice lunga: Barcelona Floors. In ogni suo scatto, edifici storici e turistici sono sempre descritti dai loro colorati pavimenti, da cui sbucano le punte delle scarpe di Erras.

barcelona-floors-sebastian-erras-01 2

Più in generale, l’iniziativa mette in luce la ricca diversità artistica da scoprire nel cuore della Catalogna. Gli intricati mosaici si possono trovare dovunque: al Museu Nacional d’Art de Catalunya, nella Parroquia de San Pacia, al Maritim Restaurant.

In questa foto, per esempio, puoi osservare quello che ti ritroveresti sotto le suole delle scarpe, magari diverse da quelle di Sebastian, se fossi nella casa di Lleo Morera.

barcelona-floors-sebastian-erras-00 2

A essere sinceri, il progetto Barcellona Floors non è il primo del suo genere. Nei suoi precedenti viaggi, sempre Sebastian Erras non aveva resistito a immortalare anche le meraviglie di Venezia e Parigi. Sempre dal basso, ovviamente.

Immagini: Copertina | 1 | 2 | 3 |