Le bellezze nascoste della Georgia scattate da un elicottero

Le bellezze nascoste della Georgia scattate da un elicottero

Il grande fotografo si distingue dagli altri per la pazienza e la cura per ogni minimo dettaglio prima dello scatto. Quello che deve immortalare nell’obiettivo deve restituire allo spettatore lo stesso splendore che ha colpito l’artista. Il punto di vista, quando si scatta una fotografia, è decisivo e può dare all’opera un taglio completamente diverso.

E il fotografo Dito Tediashvili ha deciso per le sue immagini un punto di vista davvero particolare: la visione aerea. Dito ha voluto mostrare le bellezze del suo paese, la Georgia, in particolare della regione della Tuscezia, nella parte nord-orientale, sorvolando la regione con un elicottero.

georgia

La Tuscezia si trova sul versante settentrionale del Caucaso maggiore e confina con la Cecenia e il Dagestan. Si tratta di una regione antica abitata già intorno al 330 d.C.

georgia

Oggi i suoi abitanti, i tushi, sono per tradizione pastori, e la zona è famosa per la produzione di formaggio e di lana pregiata che viene venduta anche in Europa e in Russia. I pastori si spostano nella regione con il passare delle stagioni: trascorrono l’estate sull’altopiano di Tusheti e i mesi invernali nelle pianure di Zemo e Kvemo Alvani.

georgia

La Tuscezia rispetto alle altre zone del Caucaso è rimasta tra le più intatte dal punto di vista naturalistico, diventando un luogo ideale per tutti gli amanti delle escursioni in montagna.

georgia

Proprio a causa della sua conformazione montagnosa non tutti i luoghi sono accessibili. Per permettere all’occhio di comprendere tutta la sua bellezza, Dito ha realizzato i suo scatti sorvolando la regione con un elicottero.

georgia

Per realizzare le sue straordinarie foto Dito ha lavorato in condizioni difficili. La calma che c’è davanti lo scatto è il risultato di una prova di forza. Il fotografo, infatti, ad alta quota, con temperature molto basse, ha rischiato più volte di congelarsi le mani. Ma visto il risultato, ne sarebbe davvero valsa la pena.

georgia

Immagini via Facebook