La cascata del Minnesota che scompare in un cratere misterioso

La cascata del Minnesota che scompare in un cratere misterioso

Esistono ancora molti misteri irrisolti a cui la scienza vuole dare al più presto una risposta. Tralasciando la moltitudine di questioni ancora aperte sullo spazio e le sue potenziali opportunità, non c’è bisogno di andare lontano: sul nostro pianeta, infatti, gli enigmi da sciogliere sono diversi e di grande interesse per gli studiosi. Come la grande voragine che si è formata all’incirca 25 anni fa nel bel bezzo della foresta boreale, per fare un esempio.

Uno strano fenomeno che si verifica invece da molto più tempo, è ciò che accade a delle cascate generate dal fiume Brule all’interno del Judge Magney State Park nello stato del Minnesota. Ai più, le cascate sono note con il nome di Devil’s Kettle Falls, che tradotto in italiano suonerebbe più o meno così: “Le cascate del bollitore del diavolo”.

Il nome tutt’altro che comune, deriva dalla biforcazione a cui è soggetto il fiume arrivato di fronte a un piccolo crepaccio di 50 metri: mentre una parte dell’acqua si riversa come qualsiasi altra cascata, l’altra scivola all’interno di un cratere–il bollitore–per continuare la sua corsa.

Incanalata all’interno del bollitore, però, l’acqua inizia un percorso totalmente ignoto. Infatti, nonostante in molti abbiano provato a gettare dei galleggianti per fare in modo che venissero ritrovati nelle zone presumibilmente collegate al fiume, nessuno ne ha mai ritrovato qualcuno.

La cascata non è tra le più suggestive del mondo, ma nel tempo ha attratto sempre più geologi, escursionisti o semplici curiosi. Tra le varie teorie, la più accreditata rimarrebbe quella secondo cui l’acqua riemergerebbe dal fondo del Lake Superior, un lago che passa a qualche chilometro di distanza dalla Devil’s Kettle Falls, anche se al momento nessuno è riuscito a confermarla né a smentirla.

Immagine via Flickr