Cinque luoghi leggendari che esistono davvero

Cinque luoghi leggendari che esistono davvero

Grazie alle opere letterarie ci sono diversi luoghi entrati nella leggenda: castelli, mari, laghi e grotte che i grandi scrittori hanno trasformato nel proscenio dei loro protagonisti mitici. Luoghi che possiamo visualizzare mentre leggiamo, o che spesso conosciamo anche se non abbiamo letto le opere che li hanno resi famosi, a causa della loro grande fama.

Pochi sanno, però, che alcuni di questi luoghi esistono veramente: spesso gli scrittori che li hanno raccontati, hanno preso spunto da luoghi veramente esistenti per tratteggiarli. Abbiamo quindi pensato di selezionarne cinque.

Gli scogli dei ciclopi

Tutti conoscono il famoso passaggio dell’Odissea di Omero in cui Ulisse e i suoi compagni di viaggio finiscono nelle grinfie del ciclope Polifemo. Alla fine di quell’avventura, Ulisse fugge dalla caverna dei ciclopi mentre Polifemo, accecato, lancia dei giganteschi massi—gli scogli dei ciclopi—in mare, cercando di uccidere il protagonista. Gli scogli dei ciclopi esistono veramente: tra Aci Castello e Acireale, in provincia di Catania, si trovano infatti otto giganteschi scogli, che si possono ammirare dalla famosa Riviera dei Ciclopi. Un luogo che grazie all’opera di Omero ha acquistato un’aura magica e leggendaria.

leggenda-1

Regno di Camelot

Secondo le opere che compongono il ciclo arturiano, Re Artù fu un condottiero britannico che—a capo di un esercito di cavalieri mitici—conquistò il regno di Camelot grazie alla spada più forte del mondo, Excalibur. Secondo alcuni storici inglesi, l’uomo identificato con Artù visse realmente: durante il V secolo si oppose alle conquiste dei Sassoni, e il suo regno—identificabile quindi con la leggendaria Camelot—si trovava nelle Midlands Occidentali. I ricercatori, infatti, hanno analizzato le rovine di una città della contea di WroxeterShropshire, e sono giunti alla conclusione che nella realtà fu proprio questo regno a ispirare le leggende che poi formarono il ciclo arturiano.

El Dorado

Le leggende sulla mitica città di El Dorado cominciarono ad alimentarsi a dismisura subito dopo l’arrivo dei conquistadores spagnoli in Sud America. Secondo i racconti che i conquistadores appresero dagli indigeni, nella foresta Amazzonica esisteva una città completamente costruita in oro, quasi irraggiungibile, che ospitava un popolo dalle grandi conoscenze esoteriche. Le spedizioni per trovare El Dorado furono molte, e la sua leggenda si è protratta per secoli e secoli, senza trovare riscontri.

Nel 2010, però, un team di archeologi è riuscito a scoprire la vera El Dorado grazie alle immagini fornite dai satelliti: si trova nel Brasile occidentale, vicino al confine con la Bolivia, ed è composta da oltre 200 strutture circolari e poligonali, disposte in una precisa rete geometrica che si estende per una lunghezza di oltre 250 chilometri. Gli edifici ovviamente non sono in oro, ma questa leggenda era probabilmente dovuta alla presenza di numerosi monili preziosi nelle città precolombiane.

Castello di Dracula

Nel 1897 lo scrittore irlandese Bram Stoker diede alle stampe un’opera destinata a diventare iconica: Dracula. Il romanzo raccontava la storia del vampiro più famoso della letteratura mondiale, e si ispirava alla figura di un uomo realmente esistito: Vlad III, principe di Valacchia. Stoker aveva appreso la storia di Vlad III tramite Arminius Vambéry, un professore ungherese, che gli aveva anche mostrato alcune immagini del castello appartenuto al principe transilvano. Lo scrittore aveva sfruttato quelle immagini per descrivere il castello del principe delle tenebre nel suo romanzo, ma in realtà quello che Vambéry gli mostrò non era il castello di Vlad III, bensì un maniero che domina il villaggio rumeno di Bran. Grazie agli storici, oggi sappiamo che il vero castello di Dracula è quello di Poenari, abbandonato nel 1476 dopo la morte Vlad III. Oggi ne rimangono solo le rovine.

Monte Olimpo

Gli dei della Mitologia greca abitavano la sommità del Monte Olimpo: un luogo inaccessibile ai comuni mortali. Questa montagna esiste veramente e si trova nella parte settentrionale del Paese, tra la Tessaglia e la Macedonia, vicino al mare Egeo. Oggi il Monte Olimpo è diventato un Parco nazionale, e i visitatori possono raggiungere la cima della montagna—2917 metri—grazie a dei sentieri appositamente tracciati dalle guide.

leggenda-2

Immagini: Copertina | 1 | 2