Come fare il passaporto e come rinnovarlo: consigli utili

Come fare il passaporto e come rinnovarlo: consigli utili

Hai deciso di concederti un viaggio ma, prima di partire, hai scoperto che ti mancano i documenti necessari per raggiungere senza problemi la tua agognata meta. Per prima cosa devi scoprire come fare il passaporto o eventualmente come rinnovarlo. È importante muoversi con un certo anticipo perché i tempi potrebbero essere lunghi. Sul sito della Polizia di Stato, in un apposita sezione, è possibile trovare tutte le informazioni necessarie per destreggiarsi con sicurezza confidando nell’attendibilità degli aggiornamenti relativi alle pratiche burocratiche. Importantissimo anche il sito della Farnesina, viaggiresicuri.it dove sono indicati i documenti necessari per ogni paese estero, basta selezionare dal menù a tendina la meta di destinazione.

Il passaporto può essere ottenuto da tutti i cittadini italiani. È rilasciato in Italia dalle questure e all’estero dalle rappresentanze diplomatiche e consolari con durata decennale. Dal 27 ottobre 2014 c’è il nuovo servizio in collaborazione con Poste Italiane Passaporto a domicilio dove si può richiedere la spedizione del documento.

Per quanto riguarda i minori, l’iscrizione sul passaporto del genitore non è più valida dal 27.06.2012. Infatti, da questa data, il minore può viaggiare in Europa e all’estero solo con un documento di viaggio individuale. Al contempo i passaporti dei genitori con iscrizioni di figli minori rimangono validi per il solo titolare fino alla naturale scadenza.

COME E DOVE PRESENTARE LA DOMANDA – Basta accedere al sito Passaportonline.poliziadistato.it e prenotare ora, data e luogo del rilascio. Il documento emesso sarà recapitato presso il domicilio con un costo di € 8,20 da pagare in contrassegno al momento della consegna, direttamente all’incaricato di Poste Italiane. Nello specifico: al cittadino che intende fruire del servizio la questura, o il commissariato, consegna una busta di Poste Italiane che deve compilare e consegnare sul posto all’Ufficio passaporti, riportando in particolare le informazioni relative al domicilio presso cui si desidera ricevere il documento. In seguito, al cittadino, è consegnata una stampa della ricevuta che contiene anche il numero della busta in modo che potrà tracciare la spedizione sul portale Poste Italiane. In caso di smarrimento della busta Poste Italiane dovrà risarcire di € 50 il cittadino, che dovrà pagare unicamente il bollettino di € 42,50 per ottenere un nuovo libretto.

Se le date disponibili online sono terminate puoi rivolgerti direttamente a Questura o Commissariato, tenedo conto dei tempi di attesa. Richiedere il passaporto presso il luogo di domicilio e non di residenza è possibile, ma si allungano i tempi di attessa perché occorre attendere il nulla osta al rilascio da parte della Questura di residenza, dopo essersi attenuti a diversi controlli e aver giustificato tale richiesta.

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA – Innanzitutto, il modulo stampato della richiesta passaporto, facendo attenzione a scegliere quello corretto tra maggiorenni e minorenni; poi, un documento di riconoscimento valido, è consigliata anche una fotocopia; due foto formato tessera uguali e recenti; la ricevuta del pagamento a mezzo c/c di € 42.50 per il passaporto ordinario, effettuato con versamento mediante bollettino di conto corrente n. 67422808 intestato a: Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del tesoro. La causale è: “Importo per il rilascio del passaporto elettronico”; un contrassegno telematico da € 73,50 (sotto forma di valore bollato – ex marca da bollo).

RINNOVO – Dal 24 giugno 2014 è stata abolita la tassa annuale del passaporto ordinario da € 40,29. Pertanto tutti i passaporti, anche quelli già emessi, saranno validi fino alla data di scadenza riportata all’interno del documento per tutti i viaggi, inclusi quelli extra UE, senza che sia più necessario pagare la tassa annuale da € 40,29. Se si vuole rinnovare il passaporto a causa di deterioramento o scadenza di validità, assieme alla nuova documentazione, deve essere consegnato il vecchio documento. In caso di furto occorre presentare anche la relativa denuncia.

PASSAPORTO ALL’ESTERO In questo caso occorre consultare il sito del Ministero degli Affari Esteri e consegnare, presso la questura o il commissariato, insieme al modulo di richiesta del passaporto, un foglio su carta intestata contente un’informativa di garanzia sul trattamento dei dati personali concordata con l’ufficio del Garante sulla riservatezza dei dati personali e con il Ministero degli Affari Esteri.