Lo spettacolo magico dell’aurora boreale: che cos’è e dove possiamo vederla

Lo spettacolo magico dell’aurora boreale: che cos’è e dove possiamo vederla

Organizzare un viaggio per vedere l’aurora boreale è l’occasione giusta per conoscere dei luoghi lontani non sempre facili da raggiungere. Almeno una volta nella vita vale la pena assistere a questo fenomeno naturale che regala un cielo illuminato da onde colorate dalle tinte fluorescenti.
Anche se normalmente conosciuta come aurora boreale in termine corretto è aurora polare in quanto visibile solo in due aree, i poli magnetici e a seconda quindi dell’emisfero in cui si vede l’aurora può essere aurora boreale o australe.
Questi fasci di luce nel cielo sono causati dalle “particelle solari” (elettroni e protoni) che entrano in contatto con la ionosfera e a secondo dei gas che si trovano nell’atmosfera si avranno onde verdi (ossigeno) o blu (azoto) che possono virare per pochi istanti anche al viola, al giallo. Durante l’aurora è possibile anche udire dei suoni particolari molto sottili, come dei sibili: sono i suoni elettrofonici.

Non sono pochi i posti dai quali è possibile assistere all’aurora boreale. Basta dirigersi verso il nord del mondo in zone isolate con poca illuminazione e meglio se particolarmente silenziosi.
Nell’emisfero settentrionale il periodo migliore è quello che va da settembre a marzo.

Scandinavia
Le zone più vicine al Circolo Polare Artico sono quelle che assicurano la maggiore probabilità di vedere l’aurora boreale. Nonostante siano i mesi più freddi quelli più adatti visitare questi paesi resta comunque un’esperienza magica anche grazie ai paesaggi innevati molto fiabeschi.

Norvegia
Se decidi di andare in Norvegia il posto migliore sono le isole Svalbard, un arcipelago nell’oceano artico visitato da molti viaggiatori anche per la “notte polare” ossia quel fenomeno (da novembre a gennaio) per cui la luce del giorno dura molto poco e si vive alla luce crepuscolare.

isole svalbard_norvegia

Finlandia
Un viaggio in Lapponia è indimenticabile anche per lo stile di vita degli abitanti del luogo: calde casette in legno, il rito obbligatorio della sauna, le passeggiate nella neve con le renne. E di notte l’aurora.

notte polare

Svezia
Nella Lapponia svedese uno dei posti più adatti per vedere l’aurora boreale è il parco nazionale di Abisko, all’interno del quale c’è un lago lungo più di 40 metri dove si crea il famoso Blue Hole. Chi si reca in Svezia ed arriva in prossimità del circolo polare artico molto spesso è curioso di vivere una notte nel famoso hotel fatto di ghiaccio.

Islanda
L’aurora boreale è visibile praticamente in ogni lato dell’Islanda anche se ovviamente una volta raggiunta l’isola è consigliabile allontanarsi da Reykjavik addentrandosi magari nel parco nazionale Pingvellir.

Danimarca 
Oltre alle Isole Svalbard Norvegesi un altro arcipelago stupendo da visitare e dal quale assistere all’aurora boreale sono le isole Faroe.
È possibile assistere all’aurora boreale anche dalla Scozia, in particolare dall’isola di Skye, dalla costa di Caithness o dalle Highlands del nord.
Infine anche nel Nord della Russia esistono dei luoghi adatti come la penisola di Kola vicino Murmsmark.