In Sicilia, un esperimento unico tra arte e innovazione nella Farm Cultural Park di Favara

In Sicilia, un esperimento unico tra arte e innovazione nella Farm Cultural Park di Favara

Sette cortili formano, nel centro storico di Favara, comune in provincia di Agrigento, il Cortile Bentivegna. Un agglomerato di piccole corti antiche e ristrutturate di matrice araba trasformate dal 2010 in un esempio di riqualificazione del territorio particolare: il primo parco turistico culturale costruito in Sicilia. Il piccolo centro è stato infatti trasformato in una galleria d’arte e residenza per artisti, la Farm Cultural Park.

L’opera di riqualificazione è opera del notaio Andrea Bartoli e di sua moglie che oltre al recupero del centro storico volevano riqualificare un luogo e trasformarlo nella seconda attrazione turistica più importante della provincia di Agrigento dopo la Valle dei Templi (distante appena sei chilometri).

Valle dei templi, Agrigento

Unire la tradizione architettonica siciliana all’arte contemporanea internazionale, una sfida decisamente vinta da questo distretto culturale in cui si organizzano mostre, workshop, presentazioni di libri, concorsi.

Farm Cultural Park di Favara, foto di Giuseppe Guarneri

Un luogo che unisce un centro di architettura, la Sicily Foundation, un concept store di design, spazi dedicato al cibo molto particolari, librerie d’arte, una scuola di specializzazione alberghiera, un centro di grafica e web design, spazi da affittare e alberghi all’avanguardia.

Farm Cultural Park, foto di Giuseppe Guarneri

Il fondatore ha dichiarato che si è ispirato per la concezione di questi spazi al Palais de Tokyo, il museo di arte contemporanea di Parigi, la piazza principale di Marrakech e il mercato caleidoscopico di Camden Town di Londra.

Farm Cultural Park di Favara, foto di Giuseppe Guarneri