In Lettonia puoi trascorrere una notte in un'ex prigione militare

In Lettonia puoi trascorrere una notte in un'ex prigione militare

A Karosta, in Lettonia, c’è un hotel piuttosto particolare, nel quale trascorrere anche soltanto una notte diventa un’esperienza indimenticabile. L’albergo in questione è diventato un hotel soltanto alla fine degli anni ’90. Per quasi un secolo è stata una prigione.

Quando la prigione militare, controllata prima dalla Russia zarista e poi dal KGB, rimase inutilizzata, divenne un museo, l’attrazione principale della città.

Oltre al solito negozio di souvenir e di cimeli originali, altre sono le attività che si possono fare nell’ex prigione di Karosta: visite guidate, affittare le bici, organizzare addii al celibato e viaggi di nozze.

Ma l’attrazione più interessante di questo museo è sicuramente “la notte in carcere”. Questo pacchetto ti dà la possibilità di trascorrere 24 ore all’interno della prigione, ed essere trattato come un detenuto.

karosta

Il tutto per soli 15 euro. Si parte alle 9 di sera, in gruppo, simulando l’arrivo al porto, e si finisce l’esperienza galeotta alle 9 del giorno successivo. Nel prezzo sono inclusi: un pasto da autentico carcerato, il tormento delle sentinelle durante tutta la notte, un materasso e un cuscino e, dulcis in fundo, i fantasmi.

La prigione è infatti conosciuta anche come il posto più infestato di tutta la Lettonia.

Prima di cominciare l’esperienza bisogna firmare un’autorizzazione al trattamento “duro” dei secondini: se disobbedisci sarai costretto a fare esercizi fisici sul posto e pulizie.

L’edificio si è conservato negli anni e l’atmosfera che si respira è perfetta soprattutto per i costumi originali dell’epoca dei secondini.

Il carcere è aperto anche ai più piccoli, ma non c’è da preoccuparsi, i bambini saranno intrattenuti con discorsi educativi su come diventare una persona importante nella società, anche perché da Karosta, la storia vuole, che non sia mai riuscito a scappare nessuno.

Immagine via Facebook | Copertina | Esercitazioni