Houtou Wan, il villaggio sepolto dall’edera

Houtou Wan, il villaggio sepolto dall’edera

Siamo soliti associare la Cina all’urbanizzazione intensiva e alla sconfinata popolazione: da uno degli ultimi censimenti, infatti, risulta che la Repubblica Popolare Cinese abbia più di 1.401.586.000 abitanti.

Considerato questo, e nonostante l’estensione del paese, è facile immaginare che i centri abitati della Cina siano iper affollati e saturi.

Eppure ci sono ancora luoghi che non rispecchiano questa realtà: a circa due ore da Shanghai, infatti, esiste un paesino incastonato nell’arcipelago delle Isole Shengsi, ormai totalmente abbandonato e di cui la natura si sta riappropriando: il villaggio di Houtou Wan.

L’arcipelago si trova al largo della costa orientale della Cina, vicino alla foce del fiume Azzurro. Da tempo rappresenta una delle mete predilette da coloro che fuggono dalle caotiche città cinesi in cerca di quiete e tranquillità.

Sulle varie isole sono disseminati ristoranti famosi per il pesce squisito, e le acque che le circondano sono limpide e pulite.

Nonostante questo, però, visto che delle 394 isole che lo compongono solo 18 sono considerate abitabili, ci sono molti luoghi abbandonati.

La fotografa Jane Qing ha visitato uno di questi luoghi, e ha realizzato una serie di scatti che testimoniano come le case stiano venendo quasi completamente inghiottite dalla vegetazione dell’isola.

È uno scenario surreale e bellissimo, da film. Nonostante la sua estrema particolarità, però, sono pochissimi i turisti stranieri che conoscono e visitano le Isole Shengsi e il villaggio di Houtou Wan. Ed è per questo che rappresentano uno degli ultimi luoghi incontaminati della Cina.

Foto via YouTube