Huacachina: l’oasi abitata del deserto peruviano

Huacachina: l’oasi abitata del deserto peruviano

In Perù, nella regione di Ica, si trova uno dei più importanti deserti del sud America. Un luogo impervio, dove sorge una delle oasi più belle del pianeta, quella di Huacachina.

[advertise id=”hello-amazon”]

Si tratta di un piccolo villaggio, immerso nelle dune del deserto peruviano, costruito sulle rive di un lago naturale. È abitato stabilmente da un centinaio di persone che vivono in casette bianche che fanno assomigliare l’oasi a un moderno villaggio vacanze.

oasi-1

È definita “la più bella oasi d’America“, e non a torto, visto che la sua peculiarità la rende uno dei siti del genere più famosi e visitati del mondo. Nonostante l’ambiente proibitivo, ogni anno migliaia di turisti si uniscono a spedizioni guidate per raggiungere Huacachina, e dedicarsi ad alcune delle attività che mandano avanti la sua economia.

L’attività più amata dai visitatori che arrivano a Huacachina è il sandboarding: una disciplina che si può praticare soltanto in quei deserti che presentano dune alte e ripide. Si tratta letteralmente di “surfare” le dune come se fossero delle onde marittime.

Un’altra caratteristica che rende famosa questa oasi è rappresentata dalle presunte proprietà curative che hanno le acque del lago. Secondo le leggende locali, infatti, questo specchio d’acqua ha il potere di curare l’artrite, i reumatismi, l’asma e la bronchite. Nelle strutture turistiche che si trovano nel villaggio, si possono fare trattamenti a base di fanghi che vengono raccolti dalle rive del lago e in certi punti sono state sistemate delle aree di balneazione.

oasi-2

Queste leggende nascono da una fiaba che viene tramandata da tempo immemore fra gli abitanti della regione, secondo cui le proprietà magiche del lago sono dovute al potere di un’antica principessa che fece il bagno nelle sue acque.

Da tempo la laguna di Huacachina è minacciata dal pericolo di siccità, e il livello dell’acqua sta calando di anno in anno: per questo motivo nel 2015 il governo peruviano ha dato via a una serie di progetti per riuscire ad arginare il problema. Per questo motivo, l’area è visitabile soltanto in certi momenti dell’anno.

Immagini: Copertina | 1 | 2