L'isola di Bohol: il paradiso delle Filippine con le

L'isola di Bohol: il paradiso delle Filippine con le "colline di cioccolato"

Una delle difficoltà implicite quando si decide di visitare le Filippine è mettere un freno ai propri desideri. Ogni amante dei viaggi vorrebbe poter esplorare le isole in lungo e in largo, godendosele appieno, ma non tutti hanno il tempo e le risorse per poterlo fare. Bisogna quindi scegliere bene l’itinerario, e selezionare con cura le isole da visitare. E secondo il nostro modesto parere, nella lista non può mancare l’isola di Bohol.

Fra le oltre 7000 isole che fanno parte di questo Paese, Bohol è una delle più estese. Insieme ad altre 75 isole minori, forma una delle province delle Visayas dell’area Centrale. Una macro-regione dell’arcipelago filippino stretta  fra l’isola di Leyte a est, e l’isola di Cebu a nord e a ovest. È una delle isole più visitate, soprattutto per le sue spiagge. Ma anche perché qui si trovano le famose “colline di cioccolato”.

Come raggiungere Bohol

Ci sono principalmente due modi per raggiungere l’isola. A seconda di come è organizzato il tuo itinerario. Lo si può fare direttamente con un volo—che dall’Italia prevede qualche scalo— per la città di Tagbilaran. Oppure lo si può fare dall’isola di Cebu.

Nella prima ipotesi, il prezzo dei voli durante il periodo estivo va dai 550 agli 800 euro di media. Con picchi che possono toccare anche i 1000 euro per le principali compagnie nei giorni più congestionati d’agosto. Decidendo di prenotare una delle rotte principali delle Filippine, però, si può risparmiare. E appunto raggiungere in traghetto Bohol, successivamente.

Camugao Falls at Balilihan Bohol #travel #nature #falls #philippines #bohol #lightroom

A post shared by Cris Jan (@ceeejsayson) on

Ci sono diverse rotte di traghetto che partono da Cebu: quella da Cebu City, quella da Argao, e quella da Oslob ad esempio. La durata del viaggio in media si aggira sempre attorno alle due ore. Il prezzo delle principali compagnie, comunque, non dovrebbe superare i 1500 pesos filippini (circa 25 euro).

Dove alloggiare

Le alternative per il pernottamento sono molte. Ma il nostro consiglio, a prescindere dal tuo itinerario, è di evitare di soggiornare direttamente sull’isola. La migliore alternativa, per disponibilità, comodità e prezzi è quella di Panglao.

Questa piccola isola è famosa soprattutto per la spiaggia di Arona Beach, molto frequentata, ma è anche collegata direttamente all’isola di Bohol. E quindi rappresenta un’ottima soluzione per visitarla comodamente. Sul sito di Booking ci sono tante alternative fra cui scegliere, per tutti i gusti e le possibilità.

Le spiagge

Le spiagge di Bohol forse non godono della stessa fama di altri luoghi delle Filippine. Ma oggi l’isola dell’arcipelago custodisce piccoli e grandi paradisi tropicali da esplorare e da godersi. Proprio perché meno famose, poi, queste spiagge sono anche meno frequentate.

Come ad esempio la porzione di costa attorno a Baclayon. Lunghe strisce di sabbia bianca e finissima circondate da palme da cocco e da un mare bellissimo. Poi ci sono le spiagge di Balicasag e Virgin Island. La prima si trova su una piccola isola, ed è famosa perché è possibile fare snorkeling circondati dalle tartarughe marine. La seconda invece è una spiaggia più turistica, ma altrettanto bella. Le opzioni sono molte, e tutte meritano di essere visitate: come Dumaluan Beach e Quinale Beach.

Hi blue ??

A post shared by ? Aim | 1990 ? (@pagamass) on

Le colline di cioccolato

L’attrazione che contraddistingue l’isola di Bohol, però, resta l’area in cui si trovano le “colline di cioccolato”. Si trova nella parte centrale dell’isola, nell’area montuosa stretta fra le città di Sagbayan e Butuan. Uno scenario composto da oltre 1200 colline che sembrano fatte di cacao.

Queste strane formazioni sono omogenee, e creano uno skyline pittoresco. La loro altitudine varia dai 30 ai 50 metri, e al loro interno racchiudono grotte e sorgenti da esplorare. Si sono formate in seguito a ripetuti depositi marini di corallo, che poi sono stati levigati lentamente dall’azione ambientale, e hanno donato al territorio questa gibbosità. Il loro colore, invece, è dovuto al manto erbaceo che le ricopre: che nei mesi più caldi, abbrustolito dal sole, si tramuta in un marrone color cacao. Sono così significative per l’isola, da rappresentare lo sfondo della bandiera della provincia di Bohol.

Gli abitanti del luogo da tempo immemore si tramandano svariate leggende sulla loro formazione. Secondo la fiaba classica, le colline sarebbero il frutto di una battaglia a colpi di massi fra due giganti che si stavano contendendo il dominio dell’isola.

Immagini: Copertina