Le isole greche più belle | poco turistiche | economiche | sconosciute ai più

Le isole greche più belle | poco turistiche | economiche | sconosciute ai più

La Grecia è una meta perfetta per chi vuole trascorrere una vacanza in mezzo alla natura più selvaggia, tra acque limpide e spiagge isolate. Di seguito abbiamo stilato una lista delle isole greche più belle che devi vedere almeno una volta nella vita. Molte di queste isole greche sono poco turistiche. Alcune di queste hanno poca disponibilità di strutture ricettive, quindi è bene prenotare in anticipo. Altre hanno pochi negozi o servizi limitati (per esempio pochi bancomat), però in compenso avrai attorno a te paesaggi e spiagge incontaminati.
Comunque non preoccuparti: la classifica che ti proponiamo ha anche isole facilmente raggiungibili con i mezzi di trasporto, traghetti, aerei e auto. Per quanto riguarda i prezzi, abbiamo scelto le isole greche più economiche o mediamente economiche. Iniziamo il nostro viaggio tra le isole greche consigliate.

Isole greche più selvagge e meno turistiche della Grecia

Kàrpathos, Scarpanto: isola greca sul Mar Egeo dove fare trekking

Scarpanto è una delle isole più a sud, sulla via marittima che collega Creta a Rodi. Scarpanto è attraversata da una catena montuosa il cui punto più elevato è la cima del monte Lastos che arriva a 1200 metri sul livello del mare. E’ la vetta più alta del Dodecaneso. Pochissimi km di mare, la separa dall’isolotto di Saria che le appartiene dal punto di vista geografico ed amministrativo. Particolarità di Scarpanto sono i venti meltemi che soffiano forti d’estate, rendendo piacevole il clima ma che talvolta rendono difficile il soggiorno in spiaggia. Le spiagge possono essere di sassi o di sabbia bianca finissima e il mare è di un colore turchese stupendo. Il paese che offre più strutture turistiche e servizi è Pigadia, consigliato per le famiglie con bambini. Tra le spiagge più belle: Apella, Achata, Afiartis, Diakofti. Quest’isola è ideale anche per gli escursionisti che vogliono organizzare trekking di un giorno o di più giorni. In loco potrai trovare tutte le informazioni a riguardo.

Come arrivare

In traghetto da Rodi (Anek Lines ha tre viaggi settimanali di 5 ore 40 min di percorrenza), o più in aereo con con scalo ad Atene. Puoi affittare un’auto all’aeroporto. Puoi leggere un bel reportage su quest’isola qui.

Spiaggia di Achata, isola di Scarpanto, Grecia

Skyros, Sciro, isola montuosa e solitaria nel Mar Egeo

Sciro fa parte delle Sporadi Settentrionali ed è un’isola molto montuosa e anche lo spirito degli abitanti riflette il suo paesaggio: gli abitanti sono abituati alle attività di terra più che di mare. Non è un caso anche se la regione settentrionale sia coperta da pinete con numerose sorgenti e ruscelli. Invece al sud il paesaggio è roccioso, arido ed incolto. Le spiagge sono di sassi e alle spalle ci sono delle pinete e delle colline molto morbide che racchiudono il paesaggio. Non è un’isola adatta alle famiglie ma è più adatta a chi ama la solitudine e i paesaggi fuori dal turismo di massa.

Come arrivare

Sciro è dotata di aeroporto dove fanno scalo gli aerei della Olympic airways da Atene e Salonicco. Puoi anche raggiungerla in traghetto e in autobus. In questa pagina tutte le informazioni per arrivare a Sciro.

Meganissi, Meganisi, grotte marine e acqua cristallina nel mar Ionio

A nord del Mar Ionio si trova Meganisi, a sole 4 miglia nautiche dalla grande Lefkada, ricorda le coste dei fiordi norvegesi, con le sue coste frastagliate e la forma di una mezzaluna. Se non ami la confusione delle isole più grandi, Meganisi è la visita ideale per le tue vacanze. Il suo territorio è ricco di vegetazione e di macchia mediterranea, intervallata da caverne e grotte molto profonde. Nel sud dell’isola le grotte marine sono molto numerose: tra quelle più famose, la grotta di Papanikolis. Profonda ben 30 metri, ospita al suo interno una piccola spiaggia sabbiosa. Altre spiagge dell’isola sono quelle di Ai-Giannis, Spilia, Pasoumaki, Ampelakia, Atherinos e Limonari.

Come arrivare

L’accesso all’isola è molto facile. Puoi venire a Meganisi in aereo fino ad Aktio e poi guidare una ventina di minuti fino a Nidri, dove c’è il porto; da qui, per raggiungere l’isola ci vogliono circa 25 minuti di traghetto. Se ti trovi su una delle isole circostanti, come Cefalonia e Itaca, o sulla terraferma, puoi arrivare a Meganisi da Nidri.

Isola di Lisso, in greco Lipsi, a sud dell’Egeo, lontana e selvaggia

È un’isola del Dodecaneso, che si distingue per le sue colline basse e per avere attorno isolotti e scogli. Tra le spiagge di Lisso, la più frequentata è Lientou data la sua vicinanza con il centro abitato. Papandria è un arenile della costa sud di fronte a Lero. Le sue spiagge sono famose per i sassi e i ciotoli, per gli scogli e le scogliere che le conferiscono un’aria selvaggia. È famosa per avere poco turismo, tuttavia le strutture per ospitare i turisti ci sono e sono anche accoglienti.

Come arrivare

Non è semplice arrivare a Lisso. A volte si passa da Kos, a volte da Rodi, a volte si prende l’aereo per Samos e a volte si fa scalo ad Atene. I collegamenti non sono certo il massimo della comodità quindi ma è normale visto che stiamo parlando di un’isola molto selvaggia. La soluzione migliore per arrivare a Lipsi dall’Italia è quella di volare a Kos e proseguire via mare. Sono due le navi che detengono l’esclusiva dei collegamenti Kos-Lipsi. Il catamarano-aliscafo è gestito da Dodekanisos Seaways ed impiega poco meno di 3 ore di tempo di percorrenza. Prevede l’ultima corsa della giornata nel primo pomeriggio, quindi attenzione a selezionare un volo con arrivo mattutino l’andata e serale al ritorno.

Astypalea, a sud del Mar Egeo un’isola lontana e sconosciuta

È un’isola lontana e sconosciuta ai più e va subito detto che non è l’isola ideale per le famiglie con bambini piccoli. Che non sia un’isola facile è chiaro: le strade sono poche, le spiagge bellissime ma remote, ci sono sterrati su sterrati e le quattro ruote motrici sono quasi indispensabili per scoprire l’entroterra. Insomma non bisogna avere paura di affrontare la solitudine in quest’isola. Alcune taverne, alle spalle delle spiagge più lontane, si trovano sperdute all’interno dell’isola, ma per raggiungerle ci vogliono auto attrezzate perché il motorino fa fatica. L’isola ha spiagge trasparenti e remotissime, paesaggi lunari che definiscono una natura molto selvaggia. Ci sono tante spiagge e di tutti i tipi, spiagge dorate, attrezzate però è bene sapere che non si va al mare a piedi, serve il bus o una propria macchina a noleggio.

Come arrivare

Non spaventarti. Anche se il Pireo e i suoi collegamenti sono distanti 8 ore di nave, vale la pena visitare quest’isola anche se è lontana da tutto. Qui puoi vedere tutti i traghetti per Astypalea.

I mulini a vento dell’isola Astypalea

Lichadonisia: 7 meravigliose isole dai colori turchesi nel golfo di Eubea

Lichadonisia è un piccolo arcipelago di sette piccole isole con un paesaggio che sembra caraibico per le sue acque turchesi e per le spiagge di sabbia bianca. Si trova nel tratto di mare del golfo di Eubea. La formazione di questo piccolo arcipelago avvenne in seguito ad un terremoto nel 426 a.C che fece collassare un intero territorio. Le sette isole si chiamano Manolia, la più grande, Limani, Megali Strongyli, Mikri Strongyli, Steno, Vagia e Vorias. Manolia è l’unica con un lido attrezzato con ombrelloni e lettini e con un ristorante che offre ottime grigliate di pesce e souvlaki. L’isola è stata abitata nel secolo scorso: nel 1928 raggiunse settanta abitanti, tutte famiglie di pescatori, e dagli anni ’80 rimase abbandonato. Nella parte meridionale dell’isola presenta ancora le rovine di case.

Come arrivare

Non esiste un servizio di traghetti che collega questo microarcipelago alla penisola greca. Per raggiungere Lichadonisia occorre avere una barca propria oppure si deve prendere parte alle escursioni giornaliere dal porticciolo di Agios Georgios, sull’isola di Eubea (o Evia), o dal porto di Kamena Vourla, cittadina della Grecia Centrale raggiungibile in autobus da Atene, distante 150 km.

Anafi, vicino a Santorini, un’isola per chi ama la solitudine

A meno di due ore di traghetto da Santorini, nel Mar Egeo, c’è un’isola perfetta per chi ama la solitudine e la semplicità. Sabbia bianca, mare turchese e soprattutto una pace molto diversa rispetto al glamour di Santorini. Le migliori spiagge di Anafi si trovano a sud e sono piacevoli da frequentare perché sono protette dal vento meltemi che soffia da nord. La scelta è amplissima. Tutta la costa è sabbiosa e ad ogni chilometro si apre un nuovo litorale da esplorare. Tutti gli accessi alle spiagge sono ben segnalati. La prima che si incontra è Megalos Roukounas, con tutte le altre accanto: Flamourou e Mikro Roukounas. Una bella galleria di foto delle spiagge di Anafi le puoi trovare qui.

Come arrivare

Per arrivare ad Anafi non è semplice. Non tutti i giorni ci sono dei traghetti per arrivare e non c’è un aeroporto. I traghetti partono dalle isole di Santorini, Paros, Ios o dal porto del Pireo. I traghetti non sono giornalieri: è consigliabile organizzare la vacanza per tempo, prenotando sia il traghetto di andata che quello di ritorno. Una volta sull’isola ti consigliamo di noleggiare un’auto perché non è molto agevole spostarsi con gli autobus interni e molte delle spiagge più belle non sono raggiungibili con i mezzi pubblici. Per i traghetti puoi vedere qui.

Hydra, l’isola vicino ad Atene libera dalle auto e ricca di asini

Ad un paio d’ore di traghetto da Atene c’è un isola in cui è vietato usare le auto: al loro posto si usano gli asini. Vicinissima alle coste del Peloponneso, quest’isola si fa amare per i suoi colori e il suo mare. Molto frequentata dal jet set internazionale, è la più lussuosa e cara tra le altre isole greche poco note. In passato per quest’isola passeggiavano Mick Jagger e Sophia Loren e il mondo del cinema l’aveva scelta come location per i film. L’alloggio qui è più caro della media delle altre isole greche poco note. Ci sono alcuni resort lussuosi, ma anche molti hotel economici. Il porticciolo principale assomiglia al classico porticciolo di mare con barche e turisti a passeggio. Insomma è molto più “cool” rispetto alle altre isole di cui ti abbiamo parlato. Le spiagge sono di sassi e il mare cristallino e perfetto come sempre in Grecia.

Come arrivare

Per arrivare a Hydra bisogna atterrare in aereo ad Atene. Arrivati al porto del Pireo puoi prendere una delle 6 navi al giorno per raggiungere l’isola, sono tutti aliscafi veloci. Non ci sono traghetti convenzionali, perché ricordiamo, a Hydra non è possibile sbarcare in automobile, visto che non esistono strade. Tutti questi aliscafi sono veloci, il tempo di percorrenza si aggira sulle 2 ore di navigazione, ma sono piccoli, per cui è sempre consigliato acquistarne i biglietti in anticipo.

Zante, Zacinto, l’isola dove nacque Venere e dove Ugo Foscolo lasciò il suo cuore

Zante è una bellissima e grande isola nel Mar Ionio, vicino alle coste del Peloponneso. Secondo la leggenda, in questo luogo nacque Venere. Anche il grande poeta Ugo Foscolo nacque qui e famoso è il suo sonetto dedicato all’isola. La spiaggia più famosa è la Spiaggia del relitto, simbolo dell’isola: un’immagine da cartolina, suggestiva ed emozionante. Quest’isola ha due volti: uno più mondano e chiassoso della costa orientale e meridionale, invase dal turismo di massa, e quello più rilassato e pacifico del resto dell’isola, zone meno battute dai turisti e perfette per chi cerca una vacanza dai ritmi lenti. Per una gallery di foto delle spiagge più belle puoi cliccare qui.

Come arrivare

Zante è molto vicina all’Italia ed è una delle più facilmente raggiungibili via mare via cielo. Durante l’estate sono disponibili voli diretti in partenza da diverse città italiane; i traghetti diretti per Zante partono da Bari e Brindisi. Puoi prendere un traghetto anche da altre isole greche o dal porto del Pireo ad Atene. Se vuoi spendere di meno meglio scegliere l’aereo.

Famous Navagio beach (Smugglers Cove) with abandoned smuggler ship. Zakynthos island, Greece. ProPhoto RGB color space.

L’isola di Zante

Itaca, l’isola del mar Ionio cara ad Ulisse

Itaca è nota per essere la patria dell’eroe Ulisse, re dell’isola, le cui gesta sono descritte nel poema epico di Omero, L’Odissea. L’isola è piccola e circondata da una rigogliosa vegetazione mediterranea e da un mare cristallino. Un’isola solitaria che negli ultimi vent’anni ha conosciuto un notevole sviluppo senza però esserne travolta. Il capoluogo è Vathy, una cittadina a sud dell’isola, adagiata lungo una baia ai piedi delle montagne. È una tipica località turistica, con il suo caratteristico porticciolo con le barche attraccate, i bar, i caffè e i locali caratteristici. Le spiagge più belle di Itaca sono: Dexa, Filiatro, Sarakiniko.  Invece Aspros Ghiaòps, Kutupi, Kedros, Vrisi e Kaminia sono le spiagge più remote dell’isola, adatte a chi vuole stare lontano dalla folla. Qui alcune foto dell’isola.

Come arrivare

Anche se è piccola, Itaca può essere raggiunta da tre porti differenti. Il primo è quello del capoluogo Vathy. Il secondo porto è Pisaetos, sulla costa opposta. Il terzo, il più piccolo tra i porti di Itaca, Frikes. Da qui partono i traghetti per tutte le altre isole. Se vuoi arrivare in aereo dall’Italia, devi fare un volo diretto dall’Italia a Cefalonia, l’isola più vicina a Itaca. Da Cefalonia partono tutti i traghetti per Itaca.

Lefkada, scenari tropicali nel Mar Ionio, lontano dal turismo di massa

La leggenda narra che dalle bianche scogliere di quest’isola,  trovò la morte la poetessa Saffo. Lefkada è un luogo speciale. In quest’isola ti sembrerà di stare ai Caraibi. Spiagge bianche, lunghe e mare cristallino, riproducono un paradiso marino in un lembo di terra emersa tra le due isole del Mar Ionio, Corfù e Cefalonia. Lefkada è collegata al continente greco tramite un ponte mobile lungo circa 50 metri. Visto il suo paesaggio incontaminato è una delle isole più selvagge della Grecia. E’ l’ideale anche per chi ama la montagna. Infatti la sua conformazione montuosa la rende ideale per passeggiate ed escursioni tra i borghi di montagna. Le spiagge da visitare sono tante. Le spiagge più belle sono quella di Aghios Ioannis, Pefkoulia, Egremni e Porto Katsiki. Le insenature nella parte meridionale dell’isola sono caratterizzate da notevole bellezza mentre quelle sul lato occidentale mantengono un aspetto più selvaggio e incontaminato.

Come arrivare

Arrivare a Lefkada è molto semplice. Grazie al ponte che la collega alla terraferma è possibile raggiungere l’isola sia in auto, sia in pullman, oltre che in aereo o in nave. In aereo puoi arrivare direttamente dall’Italia.

Icaria, in greco Ikaria, dove Icario spiccò il suo volo

Icaria o Nicaria è un’isola della Grecia situata nell’Egeo, a sud-ovest da Samo. Situata vicino Creta, nell’Egeo nordorientale, Icarias è famosa per il mito del volo di Icaro, ma anche per le terme ed il vino rosso. E’ rimasta selvaggia perché la catena montuosa che la attraversa e la rende poco accessibile in molti punti. Le montagne le regalano però una natura lussureggiante con ruscelli, vallate verdi e bacini di acqua dolce.

Come arrivare

In aereo da Atene e in traghetto o aliscafo da Samos, Patmos, Kos, Kalymnos e Naxos.

Tilos, vicino a Rodi, la pace di un’isola poco turistica

Tilos è molto vicina a Rodi, ha circa 500 abitanti ed è l’isola adatta a chi cerca un’atmosfera genuina più che una vacanza movimentata. Isola molto verde è l’ideale per le passeggiate al fresco di un vento che porta l’odore del rosmarino.

Come arrivare

In aereo fino a Rodi o Atene e poi traghetto. Ma fai attenzione perché non ci sono collegamenti tutti i giorni.

Citera, Khytèra, la piccola Australia tra il Peloponneso e Cipro

Grazie all’elevato numero di oriundi isolani emigrati laggiù, Citera viene chiamata la “piccola Australia”. Il mare di cristallo, la sabbia bianchissima e morbida: Citera è una delle due isole di Afrodite (l’altra è Cipro), una sorta di luogo dello spirito a cui Watteau ha intitolato un quadro, Baudelaire una poesia e Anghelopoulos un film. Vi sono molti pittoreschi villaggi nell’interno, porticcioli tranquilli appollaiati su fiordi cristallini, resti archeologici, chiesette, monasteri e cascate. Un paradiso di silenzio e pace.

Come arrivare

Non esistono navi che arrivano a Citera. Per arrivare a Citera bisogna utilizzare uno dei voli diretti da Atene o altre isole delle ionie e Creta. Ci sono tre compagnie che hanno voli per Citera.

Per approfondire il tuo itinerario: ti consigliamo di scegliere online le tue rotte aeree attraverso i maggiori siti dedicati che offrono offerte e sconti anche last minute. Se vuoi scoprire in dettaglio come arrivare in Grecia e nelle isole di cui abbiamo parlato, molti siti offrono itinerari e percorsi che fanno al caso tuo. Inoltre ricordati di organizzare il tuo viaggio seguendo le indicazioni sui collegamenti aerei e marittimi. Soprattutto nelle isole più piccole, non ci sono collegamenti giornalieri.

Informazioni di viaggio: per tutte le informazioni di viaggio per raggiungere le isole della Grecia, puoi leggere i siti dedicati ai traghetti per la Grecia o agli appassionati di viaggi in Grecia.

Foto: Istockhoto 1 | 2