Isole Svalbard: il paradiso ghiacciato dell'orso polare e dell'aurora boreale

Isole Svalbard: il paradiso ghiacciato dell'orso polare e dell'aurora boreale

Le isole Svalbard rappresentano il paradiso ghiacciato a metà tra il Polo Nord (dista solo 900 km) e la Norvegia, quasi ai confini nord del mondo. Furono scoperte dopo la prima metà del 1500 da Willem Barents e venivano utilizzate come base per le spedizioni esplorative che partivano alla volta dell’Artico – da ricordare la fallimentare spedizione del dirigibile Italia capitanata da Umberto Nobile che si schiantò sui ghiacciai nel 1928 – e inoltre per la caccia alle balene.
Tra il 1800 e il 1900, le Svalbard rappresentavano il luogo per la caccia di animali da pelliccia.
L’arcipelago comprende varie isole su un’estensione di circa 62mila km², con una popolazione di circa 2.600 abitanti, la maggior parte dei quali stanziati nella capitale Longyearbyen.
Le Svalbard sono sotto il governo norvegese.

Clima e geografia

Il clima delle isole è polare. Le temperature possono raggiungere anche i -40 gradi in inverno e i 6 gradi in estate, quando le temperature sono più miti.

ghiacciai_svalbard

L’orso polare e la fauna

Il clima polare favorisce lo sviluppo di alcune specie animali adatte alle temperature gelide. Sull’arcipelago è possibile imbattersi in volpi, leoni marini, foche e nel famoso, quanto pericoloso, orso polare. Una delle maggiori precauzioni che raccomandano le guide è quella di studiare bene il comportamento dell’orso, conoscere i periodi, i luoghi dove è facile incontrarlo e i metodi per stare al sicuro e affrontarlo in caso di attacco improvviso.
L’orso polare, infatti, corre ad una velocità impressionante e il tempo tra l’accorgersi della sua presenza e l’attacco è abbastanza breve. Bisogna dunque prevenirlo e stare in allerta.
Le guide raccomandano l’utilizzo di una pistola (o fucile) adatti a proteggersi dagli orsi polari che possono raggiungere il peso di 700 kg e un’altezza di quasi 3 metri (per gli esemplari maschi). Ovviamente si raccomanda l’uso dell’arma a una persona esperta e in grado di sparare senza stress.

L’aurora boreale e il sole di mezzanotte

Il paradiso ghiacciato delle isole Svalbard è un’esperienza emozionante da provare almeno una volta nella vita. Tra l’isolamento umano e il contatto diretto con la fredda natura del pianeta, le sensazioni sono indescrivibili quanto quelle che provoca vedere il sole di mezzanotte, la notte polare e l’aurora boreale.
Il sole di mezzanotte (fenomeno per cui il sole non tramonta mai) è visibile da fine aprile a fine agosto. Durante la notte c’è sempre luce e questo spettacolo del pianeta crea una luce singolare che pervade tutto l’arcipelago.
La notte polare, invece, visibile da ottobre a febbraio, è il periodo in cui il sole non sorge oltre l’orizzonte ed possibile vivere  in un perenne crepuscolo senza mai sfiorare una vera notte buia.
L’aurora boreale, quei fasci di luce verde e rosso che si combinano nel cielo, è visibile alle Svalbard nel periodo degli equinozi. Uno spettacolo che dura qualche istante ma che lascerà senza fiato.

isole svalbard_

Banca dei semi

Nelle Svalbard, precisamente nei pressi di Longyearbyen, esiste la banca delle sementi, un enorme archivio di semi conservati in condizioni di estrema sicurezza per preservare il patrimonio genetico tradizionale contro qualsiasi tipo di catastrofe mondiale. Sono conservati ad una temperatura stabile di -18 gradi oltre 10 milioni di specie di sementi provenienti da tutto il mondo e isolate ognuna, in sacchetti di 4 strati per evitare qualsiasi contatto con l’esterno, soprattutto con l’umidità.