Dentro il labirinto di siepi più lungo del mondo

Dentro il labirinto di siepi più lungo del mondo

Il labirinto di siepi è storicamente uno degli abbellimenti classici nei giardini dei grandi palazzi europei. Il più famoso fu quello della reggia reale di Versailles costruito per Luigi XIV. Dotato di statue ispirate alle fiabe di Esopo, era noto per la sua magnificenza, ma venne distrutto nel 1778. Nel mondo, però, ne esistono ancora di meravigliosi. Come quello di Franco Maria Ricci in Italia e il Longleat Hedge Maze, in Inghilterra.

Longleat è una dimora signorile costruita nel 1517. Si trova vicino al villaggio di Horningsham, nel Wiltshire. È circondata da un parco di 400 ettari, e da un bosco di 1600. Oltre allo sfarzoso labirinto, il parco della dimora è famoso anche perché contiene il primo parco Safari al di fuori dell’Africa.

Il Longleat Hedge Maze

Il labirinto botanico di Longleat è in assoluto il più lungo del mondo. Ma non il più esteso per ampiezza, questo primato spetta a quello di Franco Maria Ricci. Riprogettato dall’architetto Grez Bright nel 1975, il corpo di questo labirinto è formato da oltre 16000 siepi di tasso che percorrono una lunghezza di 2,75 chilometri.

I muri di siepi sono alti circa tre metri, e quindi impediscono ai visitatori di potersi orientare. È strutturato come un vero rompicapo: i vari passatoi che in alcuni punti sovrastano il labirinto in altezza, non consentono di individuare i vicoli ciechi, che sono molteplici. Per riuscire a trovare l’uscita, a volte i visitatori impiegano anche un’ora e mezza.

Il Longleat Hedge Maze è così imponente che una squadra di 20 giardinieri si occupa della manutenzione. Quando arriva il periodo dei lavori—ogni sei mesi circa—i giardinieri chiudono l’accesso per 20 giorni, e rimodellano completamente le siepi.

longleat-1

Foto di Fribbleblib. Via.

Una vera caccia al tesoro

Nel corso del tempo il labirinto è diventato quasi un vero e proprio parco-avventura. Il record di percorrenza del labirinto al primo tentativo è di 20 minuti. E ogni visitatore può cercare di batterlo, riuscendo a trovare la strada giusta nel minimo tempo possibile. La sfida termina quando si riesce a raggiungere la torre centrale del parco, alla fine del labirinto. Una gigantesca costruzione che domina tutta l’area verde di Longleat.

Capita a volte che alcuni visitatori tentino di barare per battere il record. Nel 2010, infatti, alcuni visitatori sono stati scoperti mentre utilizzavano il GPS del loro smartphone per trovare la strada giusta al primo colpo. Così, Tim Bentley, il responsabile delle attrazioni del parco, ha deciso di vietarne l’utilizzo.

Ai visitatori che intendono partecipare alla gara, viene chiesto di lasciare in deposito gli smartphone. Ma gli viene comunque consegnato un dispositivo di localizzazione, per chiedere aiuto nel caso si perdessero. Sono infatti oltre 400000 le persone che ogni anno non riescono a trovare l’uscita del parco e che chiedono di essere venute a prendere.

Affrontare il labirinto di Longleat, insomma, non è per tutti. Servono grande pazienza e grande senso dell’orientamento.

longleat-2

Foto di Rob Wood. Via.

Quando visitarlo e come prenotare

Sul sito ufficiale della dimora di Longleat è possibile consultare un calendario preciso dei giorni di apertura del parco e delle attrazioni. Solitamente l’entrata va dalle 10 di mattina alle 17 di pomeriggio. Ma molte attrazioni consentono l’accesso solo fino alle 16, quindi è bene consultare gli orari prima di prenotare i biglietti.

Il costo di una visita completa del parco, completa di escursione nel labirinto e di visita guidata nel Safari—che conta più di 500 specie animali—è di 32 sterline per gli adulti (dai 16 anni in su), e di 24 per i bambini dai 3 ai 15 anni.

longleat-3

Foto di Fribbleblib. Via.

Immagini: Copertina