Le Langhe, tra storia e tradizione vinicola

Le Langhe, tra storia e tradizione vinicola

Per gli amanti e i degustatori di vino, una delle zone di riferimento in Italia è sicuramente quella delle Langhe, in cui a partire dagli anni settanta si porta avanti una delle culture vinicole più importanti del nostro paese.

Le colline delle Langhe e Roero, in provincia di Cuneo, sono da sempre una terra fertile da questo punto di vista: il terroir di queste aree, il clima temperato, la particolare geologia dei terreni—caratterizzati da argille, tufo, sabbia e gessi solfiferi—fanno sì che le viti regalino vini di grande qualità. Si contano infatti 290 cantine.

Ma in questa zona del Piemonte non si producono soltanto Barolo, Barbaresco o Nebbiolo: nel 2014, durante la 38ª sessione del comitato UNESCO—insieme a Monferrato e Roero—è entrata a far parte dei beni che arricchiscono il Patrimonio dell’Umanità.

langhe-1

Una delle altre grandi specialità di queste zone, ad esempio, è il famoso tartufo d’Alba: che ogni autunno attira una grande mole di visitatori che accorre per assistere alla Fiera Internazionale del tartufo.

Oltre a questo, poi, le Langhe offrono anche un’attrattiva culturale veramente vasta. Alba è una città antichissima, che affonda le radici addirittura nel 6000 a.C: era infatti un importante centro abitato del neolitico, e conserva moltissime tracce di storia romana, quando la città si chiamava Alba Pompeia.

Vistando la città, ad esempio, si possono ammirare il Duomo e la chiesa di San Domenico: degli esempi di stile romanico-gotico che non hanno epigoni nel nostro paese, oppure la chiesa della Maddalena, con i suoi marmi barocchi.

langhe-2

Immagini: Copertina | 1 | 2