Dalle montagne rocciose all'aurora boreale: in un video tutta l'unicità del Canada

Dalle montagne rocciose all'aurora boreale: in un video tutta l'unicità del Canada

In Canada ho percorso 5500 chilometri in sei settimane. Ho esplorato la vastità della Columbia Britannica e dell’Alberta. Sono andato alla ricerca, ogni volta, del posto ideale da cui riprendere lo scenario più bello.

Con queste parole, Florian Nick, fotografo e filmmaker tedesco, di Stoccarda, ha presentato il suo ultimo lavoro. Un “invito al viaggio” in Canada.

Dopo aver ripreso la bellezza del Costa Rica, nel video “La vida hermosa”; dell’Islanda, in “Eylenda”; è partito per il Nord America. E ha prodotto dopo mesi di lavoro, lo splendido cortometraggio “Alive”.

Quali posti puoi ammirare in “Alive”

Il viaggio di Flo ha coinvolto principalmente due province canadesi. La Columbia Britannica e l’Alberta, entrambe a occidente e confinanti. Nella prima, a dominare il paesaggio sono le montagne rocciose. Montagne che, a dispetto del loro nome, sono ricche di vegetazione.

Nell’area della Columbia Britannica sono stati ritrovati insediamenti e reperti antichissimi che risalgono alla preistoria. Questi erano luoghi climaticamente adatti ad alcune popolazioni paleoamericane che si insediarono lì circa 15mila anni fa.

A rendere indimenticabili questi panorami , per i tanti turisti che oggi si riversano su questa costa americana, è la combinazione tra il paesaggio montuoso e i fiordi dell’Inland Passage. Questi impreziosiscono la costa settentrionale vicino all’Alaska. Luoghi tranquilli dalle acque riparate, attraversati spesso da navi da crociera.

La provincia di Alberta, invece, prende il nome dalla principessa Luisa Carolina Alberta, figlia della regina Vittoria. Oggi il suo nome si ritrova anche in un lago. Il lago Luisa.

Il paesaggio di Alberta, un vasto altipiano, è dominato, oltre che dalle montagne rocciose intorno anche dai grandi fiumi e dai moltissimi laghi.

La bellezza del video “Alive”

Il video si apre sui boschi delle montagne rocciose. Luoghi vivi, umidi e rigogliosi. E sugli specchi d’acqua che brillano lungo i pendii e sugli altipiani. La protagonista di questo video è la luce. Che attraversa, dalle ore poco prima dell’alba fino a un nuovo giorno, un piccolo momento immortale della Natura. Non ci sono uomini, né insediamenti antropici, se non nell’ultimo “scatto”, quando Florian abbraccia simbolicamente il mondo che lo ospita.

La luce di giorno si riflette sulle montagne, sui corsi d’acqua, sui laghi. E di notte diventa l’attrice principale. Con il suo spettacolo dell’aurora boreale e quello delle stelle e della via Lattea, non contaminate dall’inquinamento luminoso.

La tecnica usata da Florian per realizzare questo video è quella del timelapse che abbiamo imparato a conoscere, ad esempio, guardando un video altrettanto bello sulla Patagonia, sempre nel continente americano, ma all’estremo opposto.

Flo ha scattato 54mila singole fotografie durante il suo viaggio in Canada. Il suo video è stato poi realizzato in altissima definizione—4K—impreziosito dalla suggestiva musica di Julian Lindenmann.

L’intento di questo progetto è stato quello di sensibilizzare sul nostro meraviglioso pianeta. Di cui abbiamo il privilegio di far parte. Ma dobbiamo anche assumerci la responsabilità di questo privilegio. E proteggere il luogo a cui apparteniamo.

Se il video ti è piaciuto e vuoi seguire anche gli altri progetti di Florian Nick ti consigliamo di tenere d’occhio il suo profilo instagram (per i suoi scatti) e quello vimeo (per i video)

Immagine di copertina tratta da Vimeo