Ojmjakon: una delle città più fredde del pianeta

Ojmjakon: una delle città più fredde del pianeta

Esistono dei luoghi del pianeta in cui la vita è fortemente condizionata dall’ambiente circostante: ci sono ad esempio zone talmente calde da non permettere a nessuno di viverci. Mentre sussistono zone in cui il freddo condiziona fortemente la vita quotidiana, ma che comunque sono abitate.

L’esempio più significativo è quello del piccolo villaggio siberiano di Ojmjakon, nella Russia nord-occidentale, considerato uno dei centri abitati più freddi di tutto il mondo.

A Ojmjakon le temperature nei mesi più freddi possono scendere fino a -70 gradi (con una media invernale di -50). Il record assoluto nel calo della temperatura si ebbe nel 1924, quando venne rilevata la temperatura di -71,2 gradi. La temperatura più bassa mai registrata in una zona abitata.

Nonostante queste condizioni climatiche impervie, il villaggio è abitato da circa 500 persone, che portano avanti le loro vite con tutte le incredibili limitazioni che questo comporta.

Gli abitanti di Ojmjakon infatti sono costretti a passare la quasi totalità delle ore diurne al chiuso, visto il freddo. Oltretutto, poi, le ore di luce nei mesi invernali sono soltanto tre al giorno.

Il gelo, poi, condiziona anche l’alimentazione: i campi sono completamente sterili, e importare frutta e verdura è molto complicato e costoso. Per questo motivo la dieta a Ojmjakon è costituita soprattutto da carne e pesce, e molti degli abitanti sono proprio cacciatori o pescatori.

Quasi tutti poi si muovono a piedi—perché le auto e i mezzi di trasporto motorizzati vanno custoditi in garage riscaldati, altrimenti rischiano il completo congelamento—e anche il rapporto con la tecnologia è condizionato dal tempo, visto che le batterie si consumano molto velocemente.

Durante la primavera, però, a Ojmjakon si toccano i 22 gradi, e le ore di luce arrivano ad essere addirittura 21: così gli abitanti possono finalmente godersi la natura circostante e vivere una vita normale.

Immagini: Copertina