L'onda di roccia in Australia, un

L'onda di roccia in Australia, un "monumento" naturale al surf

L’Australia non smette mai di stupirci. I suoi panorami, le sue città, i suoi animali sono una fonte inesauribile di meraviglia.

Tra le tante eccellenze del Paese ce n’è anche un’altra: il surf. La natura, come spesso succede, ha superato ogni immaginazione e ha voluto creare un “monumento naturale” dedicato proprio a questa pratica sportiva.

Nei pressi di Hyden, nell’ovest del paese, si trova una grande onda di roccia, chiamata appunto “Wave Rock”, lunga 110 metri e alta 15. Un’onda che sembra pronta a infrangersi da un momento all’altro.

Il granito dona all’onda colori caldi e forti che variano a seconda della luce durante l’arco della giornata e delle stagioni. La sua origine è molto antica, i suoi strati si sono accumulati per millenni e la forma arrotondata è il frutto dell’erosione da parte di agenti atmosferici, come i venti e la pioggia che l’hanno levigata fino a darle questa forma originalissima.

onda-2

Gli scienziati, anni fa, l’hanno studiata con attenzione, esaminando i suoi cristalli, e hanno scoperto che si tratta molto probabilmente di una delle formazioni rocciose più antiche di tutto il continente oceanico. La nascita di quest’onda infatti sarebbe stata 2,7 miliardi di anni fa.

Per anni, tutta l’area di Wave Rock è stata un luogo sacro per la cultura aborigena. Si trova infatti vicino ad altre attrazioni come la Mulka’s Cave, dove si possono ammirare testimonianze di arte rupestre e la Hippo’s Yawn, una cavità rocciosa che per forma, come dice il nome inglese, ricorda la bocca aperta di un ippopotamo colto durante uno sbadiglio.

Accanto all’arte e alla storia si possono ammirare, nel “Wave Rock Wildlife Park”, alcuni esemplari di animali tipici australiani come i cangurikoala, wallaby e tanti uccelli esotici.

Per visitarla ci si può muovere direttamente da Perth, con una gita in giornata, da dove partono numerosi pullman diretti proprio verso questa bellissima onda di roccia.

onda

Immagini via Flickr| Copertina | 1 | 2 |