Oratino, il borgo medievale degli artigiani in Molise

Oratino, il borgo medievale degli artigiani in Molise

Nonostante si citino spesso le più importanti città italiane, è altrettanto corretto non dimenticare le bellezze che possono offrire le centinaia di magici borghi disseminati nella nostra penisola. Ce ne sono davvero per tutti i gusti. Partendo dal sud, nel nostro viaggio per il Belpaese, ti avevamo parlato per esempio di Sperlinga, una cittadina siciliana nota per essere stata costruita nella pietra arenaria; spostandoci più a nord, invece, avevamo scoperto insieme il paese ligure di Triora conosciuto come “il borgo delle streghe.”

Per continuare a scoprire i borghi più belli d’Italia, oggi ci spostiamo in Molise, alla scoperta della cittadina di Oratino.

Prima di parlare nel dettaglio delle bellezze della città in provincia di Campobasso, è bene puntualizzare che anche il contesto in cui è immersa è davvero suggestivo. Infatti, Oratino si staglia sulla vallata del fiume Biferno—uno dei più importanti corsi d’acqua molisani—tra il verde e “la pietra” che caratterizza l’intero borgo medievale in cui si sono avvicendati nei secoli diverse casate.

Una delle massime espressioni che sintetizzano perfettamente tutto ciò è, per l’appunto, “La Rocca“: una torre appartenente a un castello medievale che crollò a causa del terremoto del 1456.

oratino 3

È addentrandosi nel cuore pulsante della cittadina, però, che si può comprendere la bellezza di Oratino. Sebbene sia popolata da meno di duemila abitanti, la cittadina infatti trasuda di vitalità e d’arte.

D’altronde ogni scorcio, balcone, portale sembra evocare tradizioni di un passato sapientemente conservato, la cui diretta manifestazione è nei dettagli del centro storico—testimonianza dell’avvicendarsi di una copiosa quantità di artigiani durante i secoli.

oratino

Tra gli edifici storici impreziositi nel tempo dalle abili mani degli artigiani locali, è impossibile non citare la chiesa di Santa Maria Assunta. Risalente al XIII secolo—e restaurato più volte nel corso dei secoli—l’edificio custodisce al suo interno un grande affresco dell’Assunzione della Vergine, situato nella navata centrale, e un prezioso ostensorio d’argento del XIX secolo.

Andando un po’ fuori paese, invece, è anche da non perdere la chiesa di Santa Maria di Loreto. Lì è possibile ammirare diversi capolavori intagliati nel legno, tra cui le splendide statue della Madonna del Rosario e di Sant’Antonio Abate.

oratino

Dopo esserti fatto incantare poi dall’atmosfera delle viuzze, di via Piedicastello o di Piazza Giuliani, alla fine non dimenticare di fare un salto al Belvedere. Ti ritroverai davanti a uno splendido e romantico panorama della valle.

Immagini via Flickr|Copertina| 1 | 2 | 3