Nel regno di Tonga puoi nuotare insieme alle megattere

Nel regno di Tonga puoi nuotare insieme alle megattere

Tutti abbiamo una personale lista di cose da fare prima di morire. Alcuni punti sono soggettivi, altri li abbiamo in comune. Dalle piccole conquiste, vedere magari un concerto dei Rolling Stones o di Tom Waits. A quelle più grandi: ammirare l’aurora boreale, ad esempio. Oppure farsi un viaggio nello spazio, magari verso Marte.

Tra le esperienze “di una vita” c’è anche quella di nuotare con le tartarughe marine, con gli elefanti o con le megattere.

La giornalista che ha raccontato questa magnifica esperienza

La scrittrice e giornalista Maggie MacKellar ha raccontato la sua esperienza sul Saturday Paper. Che ha definito “qualcosa di travolgente e selvaggio. Un luogo dove sono riuscita a liberare una parte di me, tuffandomi nell’oceano senza sapere cosa avrei trovato”. Il suo viaggio nelle isole di Tonga, in compagnia di un’amica, nell’agosto del 2017.

Il regno di Tonga è uno dei pochi posti dove puoi nuotare con le balene. È consentito dalla legge. Anche se negli ultimi anni, visto l’aumento di turisti si è incrementato anche il numero di operatori che svolgono questa attività. E i servizi non sempre sono rispettosi degli animali e dell’ambiente.

Il piano di Maggie (che abita nella Tasmania) è stato raggiungere la sorella di una sua cara amica, che insieme al marito, stava tornando in Nuova Zelanda dai Caraibi in yacht. Maggie li avrebbe accompagnati nell’arcipelago di Ha’apai. A Tonga. Nel tratto da Tongatapu a Nomuka. Per passare quattro giorni a esplorare la barriera corallina  e nuotare con le megattere.

Nell’articolo Maggie racconta questa esperienza in modo davvero suggestivo. Leggendolo si aprono anche davanti ai nostri occhi paesaggi dell’altro mondo. Dove “il sole tramonta in un tripudio di rosa, rosso e oro colato, mentre le balene emergevano in superficie, sbattevano la coda, si tuffavano e spargevano spruzzi d’acqua come segnali di fumo nell’aria.”

megattere_balene_tonga_1

Un tuffo con le megattere

Una volta saliti sulla barca “Tropic Bird”, Maggie e compagni avvistano le megattere. Non ci si tuffa d’improvviso, ma bisogna farsi accettare dagli animali prima.

Quando una mamma con il proprio cucciolo si è avvicinata, incuriosita, “Dave ha tenuto la barca a distanza e studiato il comportamento dell’animale per più di un’ora. Avvicinava la barca e poi indietreggiava, finché la balena non si è abituata alla nostra presenza e ha ridotto la distanza.”

Solo quando la megattera restava lì il gruppo è sceso in acqua.

Ho trattenuto il respiro per la meraviglia. La balena scintillava con il suo piccolo aggrappato al dorso. Poi ci è sfilata accanto, apparentemente senza sforzo, ed è scesa in profondità. Siamo riaffiorati come tappi di sughero, euforici e isterici per qualcosa che non riuscivamo a spiegare a parole.

La magnifica esperienza viene ripetuta anche nei giorni successivi. Dopo altri fruttuosi incontri, l’ultimo giorno Maggie incontra di nuovo la madre e il cucciolo. Giunti lì per salutarsi e giocare un’ultima volta.

Mi sentivo senza peso, insignificante e forte allo stesso tempo. Ho cercato di restare il più possibile insieme a lei, ma a un certo punto ho dovuto mollare. Il mondo mi reclamava, e quando sono tornata in superficie mi sono accorta di essermi allontanata un bel po’ dalla barca e dagli altri. La mia fragilità è tornata ad assalirmi.

megattere_balene_tonga_3

Come raggiungere le megattere nel regno di Tonga

Il momento migliore per il whale watching a Tonga va da luglio a ottobre. Le megattere si avvistano principalmente tra le isole del gruppo Vava’u o quelle di Ha’apai dove è stata anche Maggie.

Per raggiungere il regno di Tonga ci sono voli verso la capitale, Nuku’alofa. I prezzi più convenienti partono dai 1200 ai 2500 euro, andata e ritorno. I prezzi sono alti, ma l’esperienza è sicuramente proporzionata alla spesa. Una volta arrivati alla capitale ci si sposta per le varie isole con traghetti o voli interni, che hanno più o meno gli stessi prezzi.

Per nuotare insieme alle megattere, proprio come ha fatto Maggie, ci si può affidare a Whale Discoveries Tonga. Un’associazione che organizza immersioni nel pieno rispetto di questi splendidi e fragili animali.

megattere_balene_tonga_2

Immagine di copertina|1|2|3