Un tour della Provenza in bicicletta tra i campi di lavanda

Un tour della Provenza in bicicletta tra i campi di lavanda

Tra giugno e luglio uno straordinario evento attira moltissimi visitatori provenienti da ogni parte del mondo nel sud della Francia. Si tratta della fioritura della lavanda che trasforma la Provenza in una vera e propria “distesa viola“. Se stai pensando di voler assistere a tutto questo, potresti prendere seriamente in considerazione l’idea di un bel tour in bicicletta.

Dato che organizzarne uno in queste zone non è semplice, per districarti al meglio tra le varie informazioni che circolano sul web, oggi vogliamo consigliarti un tour di otto giorni, organizzato da sloways, per viverti con calma uno dei luoghi più suggestivi e colorati del mondo nel periodo estivo e, tra l’altro, citato svariate volte nella Commedia di Dante Alighieri.

Giorno 1: Arrivo a Jonquieres

Il tour che ti consigliamo parte e prende come punto di riferimento la caratteristica Jonquieres—distante circa 79 chilometri dall’aeroporto di Marsiglia. Da questa piccola cittadina famosa per i suoi tetti rossi, potrai iniziare fin da subito a respirare l’atmosfera dell’antica provincia della Provenza, pedalando tra edifici risalenti al XVIII secolo e strade lastricate. Nel caso in cui ti rimanga tempo, ti consigliamo di visitare il Centre d’histoire Sir-William-Price.

On va être bien le 10 juin… . #unenuitauchateau #lesoiseauxdenuit #party #artoftones

A post shared by Pascal (@pascal_peck) on

Giorno 2: da Jonquieres ad Avignone, 34 km

Il secondo giorno prevede come meta l’antica Avignone. Raggiungerla sarà emozionante: avrai la possibilità di pedalare lungo il percorso della valle del Rodano, ricca di vigneti, distese viola e castelli. Come quello che potrai visitare, una volta superato il ponte San Benedetto, nella Corte d’onore del Palazzo dei Papi, ricco di dettagli gotici, affreschi e riferimenti ai pontefici del XIV secolo. Se dopo 34 chilometri di percorso non te la senti di rifare il tragitto all’inverso per Jonquieres, dove è previsto il pernottamento, puoi prendere un treno.

Giorno 3: da Jonquieres a Carpentras, 31 km

Durante la terza giornata, potrai pedalare nel bellissimo percorso tra Jonquieres e Carpentras, caratterizzato da un’area rurale disseminata di cantine e castelli. Ti consigliamo di fermarti per ammirare da lontano il Mont Ventoux: si tratta di un massiccio montuoso—la cui cima più alta raggiunge i 1912 metri—soprannominato il “Gigante della Provenza”. A quel punto arriverai a Carpentras, dove avrai l’opportunità di dormire in un comodo campeggio.

Giorno 4: verso Venasque, 32 km

La meta del quarto giorno è Venasque, un borgo nel profondo sud entrato nella lista dei “Più bei villaggi della Francia” per la sua particolarità: un po’ come Civita di Bagnoregio in Italia, il paesino—fatto di strade medievali e case decorate con fiori—è arroccato in cima a una scogliera da cui si può vedere un bellissimo panorama della pianura di Carpentras (dove rientrerai).

Flowers in the fountain, beautiful #provence #vaucluse #venasque #france

A post shared by Andrew Whitmarsh (@andywhitmarsh) on

Giorno 5: verso Mormoiron, 27 km

Dopo aver visto da lontano il Mont Ventoux, arrivato a questo punto ti ritroverai ai suoi piedi. Tra vigneti, lavanda e alberi da frutto, avrai la possibilità di passare nel borgo di Villes-sur-Auzon ricco di case dalle facciate coloratissime e la cittadina di Mormoiron, famosa per le “soustet”, piccole strade tortuose.

Giorno 6: da Carpentras a St. Marcellin lès Vaisons, 45 km

Il percorso da Carpentras a St. Marcellin lès Vaisons è forse il più difficile: prevede molti sali e scendi, che però permettono nel frattempo di potersi godere il panorama circostante e le montagne Dentelles in lontananza da diverse altezze. Anche St. Marcellin lès Vaisons è tra i più bei borghi di Francia—conta circa 350 abitanti.

Giorno 7: verso Vaison a la Romaine, 25 km

Durante l’ultimo giorno è previsto un percorso in pianura verso Vaison la Romaine, una cittadina famosa per i sui mosaici. Per l’ultima cena, prima del rientro al mattino successivo, potresti provare almeno uno dei due piatti tipici del luogo: la “Soupe au pistou”, una zuppa con pesto e legumi; o il “Boeuf en daube“, un manzo e vino rosso in casseruola.

Il prezzo base del tour è di circa 325 euro e comprende il trasporto bagagli. Per saperne di più, visita il sito sloways.

Immagine di Copertina via Flickr