Questo video mostra il fascino dei sobborghi di Berlino

Questo video mostra il fascino dei sobborghi di Berlino

“Berlino è una città meravigliosa. Quando ci vivevo, l’atmosfera ricordava quella di un romanzo di spionaggio. Le persone, a Berlino, sapevano come affrontare le cose. Anche a livello musicale: la città, infatti, offriva tecnologie di registrazione e produzione migliori che altrove, il che contribuiva a renderla ancora più interessante.” È ciò che con grande lucidità racconta della città tedesca il cantante Iggy Pop.

D’altra parte, da sempre esistono due modi per vivere una città. Il primo è vederne le sue attrazioni. Nel caso di Berlino, non mancano. Solo per citarne alcune: la Porta di Brandeburgo, il Memoriale dell’Olocausto, Alexanderplatz.

Il secondo, invece, è cercare di perdersi nei suoi sobborghi, scoprirne i dettagli, ascoltare la musica che viene prodotta in loco. Ovviamente, i due metodi non si autoescludono, possono tranquillamente coesistere. Ma siamo sicuri che, in questo caso, Iggy pop si riferisse più al secondo.

Questi due modi di vivere Berlino dipendono anche dal tempo che si ha a disposizione, ma nel caso degli italiani è risaputo che Berlino è tra le capitali europee più ambite in cui trascorrere una vacanza o trasferirsi.

Per descrivere com’è davvero l’atmosfera della città tedesca a cui si riferisce Iggy Pop, il videomaker Alex Soloviev ha riassunto in appena tre minuti e mezzo ciò che ogni angolo della capitale offre. Nel video qui sopra, intitolato BERLIN – the inner layer, scorrono veloci le immagini di marciapiedi, piazze e strade più o meno trafficate, cadenzate dal ritmo delle percussioni degli artisti di strada.

Il corto non è altro che la perfetta commistione tra la quotidianità dei piccoli momenti della vita urbana degli abitanti e il ritratto della sua affascinante architettura. “Berlino ha tanti confini, tanti colori, tante tipicità“, scrive Soloviev. “Ho fatto del mio meglio per catturarne lo spirito.”

Per vedere altri lavori di Alex Soloviev, visita la sua pagina Vimeo.

Immagine via Flickr