Il video che mostra la straordinaria bellezza della Scozia

Il video che mostra la straordinaria bellezza della Scozia

La Scozia è una delle zone dell’Europa più sottovalutate quando si tratta di decidere dove organizzare la nostra vacanza, sia estiva che invernale. Eppure in quella fetta di Gran Bretagna si trova un ricchissimo mix di storia, natura e arte: le sue dimensioni infatti sono molto grandi, e occupa un terzo dell’isola.

Patria letteraria di Arthur Conan Doyle (il papà di Sherlock Holmes), di Robert Louis Stevenson (quello del Dottor Jekyll e del signor Hyde), Walter Scott; ma anche di Ian Anderson (leader dei Jethro Tull), dei Franz Ferdinand, di Mark Knopfler, Mogway e molti altri.

La Scozia è stata sempre presente in queste pagine, ce ne siamo occupati con la “Open Book”, una libreria di Wigtown che permette di affittare un appartamento per aiutare i volontari del negozio; con la camera costruita all’interno di una torre di una chiesa; o ancora ammirando le foto che testimoniano la sua bellezza; i cinque luoghi da non perdere durante una visita a Edimburgo; o nel caso della bellissima isola di Skye, dove i fiori profumano di cocco.

Oggi vogliamo parlarti di tutto questo e anche di più, mostrandoti la bellezza delle highlands scozzesi, una delle zone più belle dell’intero continente europeo e non solo.

Si tratta di un lungo altipiano che si trova a nord del Regno Unito, scelto spesso come ambientazioni di film o serie tv fantasy, ambientati in “altri tempi“. Uno dei motivi? Perché queste zone sono scarsamente popolate, mantenendo così intatta e rigogliosa la sua natura.

Antiche rocce cristalline, profonde vallisplendidi laghi scavati dai torrenti che scendono giù dalla montagna: tutto questo sono le highlands in Scozia.

In un video splendido, di poco più di due minuti e venti, tutta la sua bellezza, tra laghi, montagne e luce straordinaria viene concentrata. Il cortometraggio è stato girato dal regista Adam Stocker in viaggio attraverso la Scozia a bordo di un van.

Il viaggio è durato appena 6 giorni (intrapreso per cercare l’ambientazione giusta per un altro film), ma è bastato alla troupe cinematografica per catturare la ricchezza di questi luoghi. Il video è stato anche girato in time-lapse per aumentare la profondità di certi paesaggi e la vastità degli spazi, nel contrasto con il cielo.

Le camere adoperate da Stocker sono state principalmente una Sony A7sii e un Phantom 4 Pro+. La musica, perfetta e molto suggestiva, è opera del compositore Ben Winwood.

Immagine di copertina